Perquisita Rai Fiction, si sospettano tangenti per la produzione di alcuni titoli

Perquisita Rai Fiction, si sospettano tangenti per la produzione di alcuni titoli

RaiFiction perquisita per indagini su un giro di tangenti che potrebbero aver favorito la produzione di alcune fiction

da in Agostino Saccà, Attualità, Fiction italiane, HBO, Rai, Serie Tv, indagini, Miniserie, Rai Fiction
Ultimo aggiornamento:

    I loghi di Rai Fiction e dei titoli sospettati

    La procura della Repubblica di Napoli sta indagando su un giro di tangenti che coinvolgerebbero dei funzionari Rai, destinatari di “bustarelle” per favorire la produzione di alcune fiction. Nel mirino degli inquirenti, secondo le agenzie di stampa, ci sarebbero il kolossal italo-americano Roma, la miniserie La moglie cinese, e la soap flop Sottocasa. Si indaga anche sui rapporti della Rai con la statunitense Hbo e società di produzione Bavaria Film.

    Nei giorni scorsi la polizia tributaria di Napoli ha perquisito la sede di RaiFiction raccogliendo materiali relativi ai titoli citati e tutta la documentazione contattuale della divisione fiction della Rai dal 2003 al 2005. I documenti sono stati sequestrati negli uffici del direttore di Rai Fiction Agostino Saccà, del suo vice Paolo Bistolfi e del capo struttura per le nuove proposte Paola Masini. Pare che siano state portate vie dagli inquirenti anche le agende e la posta elettronica del direttore Saccà.
    La perquisizione rientra nelle indagini che la procura di Napoli sta compiendo a carico della commercialista napoletana Stefania Tucci, napoletana titolare della società di comunicazione E.I.Tecnology, e di Giuseppe Proietti, intermediario per la vendita di prodotti Bavaria e Hbo, entrambi accusati di concorso in corruzione.

    Con una nota stampa del 30 ottobre scorso, però, la Rai si è immediatamente e decisamente dichiarata estranea al presunto giro di tangenti che avrebbe coinvolto suoi funzionari, sostenendo di non aver “mai avuto rapporti contrattuali con la societa’ in questione” e di “non utilizzare società di mediazione né italiane né straniere, tanto meno off-shore”. Rivedica, inoltre, la sua piena collaborazione con la magistratura e considera pure illazioni le notizie pubblicate dalla stampa.

    Staremo a vedere cosa ci riserverà l’indagine napoletana, che intanto prosegue.

    Nel frattempo, i titoli nel mirino riguardano produzioni degli ultimi anni non sempre di successo: il kolossal Roma, di cui è attualmente in post produzione la seconda serie, è andata in onda nel marzo 2006 su RaiDue in prima serata con ascolti inferiori alle aspettative. Decisamente peggiore la sorte della soap Sottocasa, che ricordiamo essere stata annunciata con gran clamore all’inizio della scorsa stagione, ma che ha resistito pochi mesi nel daytime di RaiUno per poi essere trasferita all’alba, sua attuale collocazione. La soap (fantasiosamente definita all’epoca real drama) è stata realizzata da Sandro Parenzo per Videa Cde dal format Marienhof di Bavaria Media, di cui è manager per l’Italia proprio l’indagato Giuseppe Proietti. Sotto esame anche la miniserie La moglie cinese, trasmessa nel maggio del 2006, co-prodotta da Rai Fiction, FilmMaster Film di Sergio Silva e dalla tedesca Eos e interpretata da Pietro Sermonti, con la regia di Antonello Grimaldi.

    709

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Agostino SaccàAttualitàFiction italianeHBORaiSerie TvindaginiMiniserieRai Fiction