Per Pippo Baudo L’Italia è Bella

Per Pippo Baudo L’Italia è Bella

In attesa del ritorno del suo Ieri, Oggi e Domani, segmento reduce di Domenica In al via il 4 ottobre, Pippo Baudo conduce domenica 20 dalle 18

    Pippo Baudo conduce L’Italia è Bella

    In attesa del ritorno del suo Ieri, Oggi e Domani, segmento reduce di Domenica In al via il 4 ottobre, Pippo Baudo conduce domenica 20 dalle 18.40 su RaiUno L’Italia è Bella – Spettacolo per l’arte, evento speciale che inaugura la settimana delle Giornate dell’Arte.

    Un evento speciale segna l’inizio della stagione tv 2009/2020 di Pippo Baudo: un inizio di anno tv segnato dall’improvvisa morte di Mike Bongiorno, cui Baudo ha reso omaggio nel giorno dei funerali portando a spalla il feretro e ricordando con un breve ricordo il suo ‘acerrimo amico’.
    Pippo scalda i motori in vista del ritorno nella domenica pomeriggio di RaiUno dal 4 ottobre con Ieri, Oggi e Domani, unico segmento, con L’Arena di Massimo Giletti, sopravvissuto della ‘vecchia’ Domenica In, ormai definitivamente smembrata e le cui ‘vestali’ (Bianchetti e Setta su tutte) sono trasmigrate nel pomeriggio di RaiDue.

    L’Italia è Bella – Spettacolo per l’arte è un omaggio spassionato alla cultura italiana in diretta dal teatro Rossetti di Trieste: l’evento, realizzato dalla Fondazione CRTrieste (presieduta da Alain Elkann) inaugura, come detto, le Giornate dell’Arte, campagna nazionale per la raccolta fondi a favore del restauro dei beni culturali che quest’anno vede tra gli obiettici 11 opere disseminate per l’Italia.

    Un cast davvero eccezionale ed eterogeneo quello che animerà il palco del teatro Rossetti,
    da Gino Paoli a Lelio Luttazzi (definito da Baudo “il portacolori di Trieste”), Arisa, Malika Ayane, Francesco Renga, Eleonora Abbagnato tra gli altri, gestito da Pippo Baudo coadiuvato da Umberto Broccoli e Marco Hegge.
    Uno spettacolo che sottolinea l’impegno di Baudo nel proporre una tv diversa, che possa coniugare ascolti e cultura ‘alta’: “È importante che il mondo dello spettacolo sensibilizzi l’opinione pubblica sul dovere che abbiamo tutti di tutelare il nostro patrimonio artistico – ha detto Baudo a Il Piccolo -. La tv si sta svuotando della sua funzione educativa e spettacolare. L’idea che tutti possono fare spettacolo, che basta raccontare la vita di un ragazzo chiuso in una stanza, la dice lunga sulla mancanza d’ispirazione degli autori.

    La tv deve sempre premiare chi ha merito. Un dilettante che diventa protagonista va bene una volta ogni tanto, ma se questa è la regola tutto il sistema va verso il basso. Purtroppo, le reti devono produrre troppo materiale e se la cavano con poco, per questo attingono a format stranieri che si assomigliano un po’ tutti. Dostoevskij diceva “il bello vincerà”: io mi auguro che alla fine i valori riemergano“. Pippo dixit.

    In chiusura segnaliamo i numeri per le donazioni che si potranno fare dal 20 al 28 settembre:
    SMS SOLIDALE da 1 Euro al numero 48584;
    conto corrente postale intestato a Fondazione CittàItalia – Corso Vittorio Emanuele II, 21 00186 Roma, Codice IBAN IT80D0760103200000000709030;
    conto corrente bancario intestato a Fondazione CittàItalia presso Monte dei Paschi di Siena, Codice IBAN IT69C0103003200000015000089;
    on line mediante carta di credito sul sito www.fondazionecittaitalia.it con American Express, CartaSI, VISA, Mastercard.

    588

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI