Parla con Me torna su RaiTre: “Siamo intimiditi”

Parla con Me torna su RaiTre: “Siamo intimiditi”

Torna questa sera su RaiTre l'appuntamento quotidiano in seconda serata con Parla con Me, una delle rare finestre satiriche nel palinsesto italiano

    Torna questa sera su RaiTre l’appuntamento quotidiano in seconda serata con Parla con Me, una delle rare finestre satiriche nel palinsesto italiano. Ospiti particolari della prima settimana Elio e Le Storie Tese. Ma il clima è teso e si sente: “Ci sentiamo un po’ intimiditi: una situazione così astiosa della politica sulla televisione, non l’avevo mai vista prima“, ha detto Serena Dandini alla stampa. In alto Elio nello speciale dopoFestival dello scorso anno.

    Prima puntata senza dubbio speciale per la nuova stagione di Parla con Me, dallo scorso anno promosso ad appuntamento quotidiano (dal martedì al venerdì) della seconda serata di RaiTre: oggi, infatti, cade il 73mo compleanno del premier Silvio Berlusconi ed Elio e le Storie Tese, che sostituiscono in questa prima settimana – come special guest – la Banda Osiris, sono pronti a festeggiarlo con uno dei loro brani-padrodia: immediato il riferimento a 29 settembre di Battisti-Mogol.
    Accanto alla Dandini ritroveremo Dario Vergassola, Ascanio Celestini, Andrea Rivera, che ripropone le sue interviste al citofono, Max Paiella nei panni di Maurizio Belpietro e di Paolo Crepet. Tornano anche Zoro (Diego Bianchi) e il Trio Medusa. Frequenteranno il salotto rosso anche Caterina Guzzanti e Neri Marcoré.

    Novità della stagione, una sitcom ispirata a Palazzo Grazioli, e intitolata Lost in WC: due ragazze pugliesi che si danno battaglia per passare la notte con un fantomatico lui, ma restano chiuse in bagno. E il bagno sembra essere quello di Palazzo Grazioli, residenza romana del premier.

    Nessun ospite questa sera per lasciar spazio alla presentazione delle novità della stagione: una stagione iniziata senza dubbi in un clima rovente, soprattutto per RaiTre e i suoi protagonisti. Al di là dei contratti firmati in zona Cesarini, la situazione tesa tra politica e media rende difficile lavorare con serenità, per quanto Serena Dandini a Repubblica, cerchi di mostrare tranquillità, anche perché finora ha potuto contare sull’appoggio del direttore di RaiTre, Paolo Ruffini.
    Parteciperò alla manifestazione di sabato sulla libertà di stampa ma per il mio programma sono pronta a dichiarare che non ci sono censure o bavagli, almeno fino a prova contraria” ha detto la Dandini. “Continuiamo a fare il nostro lavoro come abbiamo sempre fatto, con lo stile che contraddistingue le interviste e la satira del programma – ha aggiunto la conduttrice – se succede qualcosa non sono cambiata io ma qualcosa intorno a me. Rifiuto di essere lottizzata non mi riconosco in alcun partito, oggi più che mai, ma ho le mie opinioni“.

    Basterà a evitare la mannaia delle polemiche, mai tanto dense come in questo periodo?

    502

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI