Par Condicio, Rai e Mediaset al Tar contro le multe dell’Agcom

Rai e Mediaset ricorrono al Tar del Lazio contro le multe comminate dall'Agcom ai Tg nazionali per violazioni della Par Condicio alle Amministrative 2011

da , il

    silvio berlusconi tg1 par condicio

    Rai e Mediaset ricorrono al Tar contro le sanzioni decise questa primavera dall’Agcom per il famoso giro di interviste concesse dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ai principali Tg italiani, in piena campagna elettorale per le Amministrative 2011. Ne risultò quasi un ‘comizio’ a reti unificate che costò alle testate giornalistiche migliaia di euro. Ora Rai e Mediaset chiedono la sospensione delle multe con una serie di ricorsi depositati al Tar del Lazio.

    Come ricorderete, a pochi giorni dalle Amministrative 2011 il Tg1, il Tg2 e il Tg5 trasmisero ciascuna una propria intervista al premier Silvio Berlusconi, sanzionate dall’Agcom per violazione delle norme sulla Par Condicio. Il Tg1, recidivo, fu sanzionato per 258.230 euro (cui vanno aggiunti altri 100.000 euro comminati in precedenza) mentre il Tg2 di Mario De Scalzi ricevette una multa di 100.000 euro.

    Per la Rai, quindi, un totale di 458.000, mentre il Biscione ha raccolto sanzioni per un totale di 558.230 euro tra il Tg4 di Emilio Fede (prima 100.000 e poi altri 258.230 euro, come il Tg1), il Tg5 di Clemente Mimun e Studio Aperto di Giovanni Toti.

    Soldi che i due poli non vogliono ‘cacciare’: si attende ora che il Tar del Lazio fissi le udienze per i ricorsi. Come andrà a finire?