Paola Perego: la conduttrice di Domenica In condannata per diffamazione

Paola Perego: la conduttrice di Domenica In condannata per diffamazione

Paola Perego, la conduttrice di Domenica In, è stata condannata per diffamazione dalla Cassazione

    Paola Perego è stata condannata dalla Cassazione per diffamazione: la conduttrice di Domenica In, nel 2006, quando era alla guida di Verissimo, si riferì agli indagati per l’omicidio del tredicenne Francesco Ferreri, definendoli ‘bastardi’ in diretta tv, quando il cronista, che a sua volta li definì ‘assassini’, e per questo anche lui condannato, le annunciò il loro arresto. I cinque uomini a cui faceva riferimento, che poi sono stati del tutto scagionati, oggi verranno risarciti dalla Perego, le cui parole sono state prese dalla Corte di Cassazione come una vera e propria aggressione verbale.

    Paola Perego è stata condannata dalla Cassazione, ai fini civili, per diffamazione nei confronti di cinque uomini che ha chiamato ‘bastardi’ in diretta mentre era alla conduzione di Verissimo.

    La conduttrice, e il cronista, secondo la Suprema Corte hanno ‘superato il limite della continenza’, e non possono neanche appellarsi al diritto di cronaca perché hanno usato parole ‘gravemente infamanti e inutilmente umilianti’, tanto da essere viste come un’aggressione verbale nei confronti di quelli che erano solo indagati in quel momento, e spingendo così il pubblico a giudicarli colpevoli ancor prima che le circostanze fossero verificate. Inoltre, la Perego, come ha sottolineato la Corte Suprema, in quel momento era consapevole di star utilizzando termini non adatti alla circostanza, tant’è che in trasmissione dichiarò che il direttore di Verissimo non voleva che si usasse quella parola, ma le lo avrebbe fatto ugualmente

    288

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI