Oscar 2010, Farrah Fawcett e Bea Arthur escluse dal memorial

Oscar 2010, Farrah Fawcett e Bea Arthur escluse dal memorial

Farrah Fawcett e Bea Arthur, rispettivamente protagoniste di Charlie's Angels e Cuori senza età, sono state escluse dalla sezione In memoriam dedicata ogni anno dall'Academy a tutti i personaggi del mondo del cinema che sono morti e proiettata durante la cerimonia degli Oscar

    Ogni anno alla cerimonia degli Oscar c’è un momento in cui si ricorda chi ci ha lasciato: attori, produttori, registi, sceneggiatori… tutti quelli che hanno un ruolo all’interno del mondo dello show business vengono inseriti in un filmato con cui l’Academy ricorda i colleghi e gli amici che non ci sono più. Mentre al regista e sceneggiatore John Hughes è stato dedicato un ampio spazio con le star che ha lanciato presenti a ricordarlo, due attrici sono state escluse dalla lista, ovvero l’86enne Bea Arthur, star della serie Cuori senza Età, e Farrah Fawcett, morta a 62 anni quest’estate dopo aver combattuto a lungo contro un cancro.

    Bea Arthur, scomparsa lo scorso aprile a 86 anni deve la sua grande popolarità al ruolo di Dorothy Zbornak Hollingsworth nella serie culto Cuori senza Età.
    Farrah Fawcett, icona della tv anni ’80, è scomparsa invece a giugno del 2009: indimenticabile protagonista di Charlie’s Angels, l’attrice aveva scelto di far riprendere i momenti più duri e tristi della sua lotta contro il cancro in una sorta di show-documentario, Farrah’s Story, da consegnare a tutti quelli che come lei avevano lottato contro la malattia.

    Ma la domanda nasce spontanea: la Arthur e la Fawcett sarebbero state escluse perché poco presenti al cinema o perché la loro popolarità è strettamente collegata al mondo della tv?

    Ryan O’Neal, protagonista di Love Story e compagno della Fawcett, è senza parole: “Nessun commento oltre quello che siamo profondamente delusi a causa di quest’esclusione“. L’Academy si difende e lo fa attraverso una sua portavoce: “Ogni anno siamo di fronte alla difficoltà di non potere includere tutti“. Le fa eco il direttore esecutivo, Bruce Davis: “È l’elemento che dà più problemi di tutto lo show“. Davis ha anche spiegato come si costruisce la sezione “In Memoriam”: “Un piccolo gruppo di persone stila una lista da 100 dobbiamo sceglierne 30, stai togliendo persone che il pubblico conosce, non è una cosa carina“.

    373

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Personaggi TvPremi Oscar