Oroscopi in tv, si oppongono cattolici e Lega Nord

Oroscopi in tv, si oppongono cattolici e Lega Nord

L'associazione dei telespettatori cattolici, Aiart, e la Lega Nord si schierano contro gli oroscopi e i cartomanti i tv

    Anche se con un po’ di ritardo, arrivano le proteste dei Cattolici e della Lega Nord contro l’invasione degli oroscopi nei palinsesti tv delle feste. L’Associazione dei telespettatori cattolici, Aiart, ha tuonato contro lo speciale di Mezzogiorno in Famiglia andato in onda su RaiDue il 29 dicembre, mentre la Lega Nord chiede che vengano aumentate le tasse agli astrologi e ai cartomanti in tv. In alto le previsioni di Paolo Fox per il segno dei Pesci.

    La lettura dell’oroscopo per il nuovo anno è un must dei palinsesti tv nel periodo che va tra il Natale e il Capodanno: spesso anche i Tg non disdegnano di concedere qualche minuto alle previsioni per il nuovo anno, sicuri dell’apprezzamento del pubblico. L’Aiart e la Lega Nord cercano ora di mettere un freno a questo pullulare di previsioni astrologiche, pur se con motivazioni diverse.

    L’Aiart punta sulla natura ‘pagana’ e superstiziosa dell’Oroscopo, contraria alla spiritualità religiosa, e condanna la Rai per “aver ceduto alla superstizione” e aver impegnato soldi pubblici nella realizzazione di un programma di prima serata tutto incentrato sulle previsioni di Paolo Fox per il 2009, con l’avallo di ospiti popolari e amati dal grande pubblico. Peccato che siano ormai anni che la Rai dedica all’oroscopo un’intera serata nel periodo festivo.

    La Lega Nord, invece, non guarda tanto alla spiritualità quanto all’indotto truffaldino che accompagna la lettura di carte, oroscopi e quanto altro sia stato ingegnato per carpire la buona fede degli italiani e dei consumatori. L’onorevole Massimo Polledri guarda soprattutto ai guadagni milionari ed ‘esentasse’ di maghi, veggenti e cartomanti, proponendo un emendamento al decreto anticrisi che aumenti le tasse ai coloro che si fanno pubblicità in tv.

    Più in generale contro le sciocchezze diffuse dagli astrologi si batte Piero Angela, fondatore nel 1989 del Cicap, Centro italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale, che ha stilato come ogni anno la lista delle ‘bufale’ da zodiaco lanciate per il 2008: dalla longevità del governo Prodi a Valentino Rossi campione di Formula Uno, dall’Italia finalista agli Europei di calcio a Hillary Clinton presidente degli Stati Uniti. “I sensitivi non ne hanno azzeccata nemmeno una -dice Angela – né la crisi finanziaria né l’elezione di Obama: si tratta di previsioni campate per aria senza alcuna validità scientifica“. Che l’Oroscopo abbia però una funzione ‘consolatoria’, con le sue previsioni quasi sempre ottimiste, lo ammette perfino Angela. Tutto sta, secondo noi, nell’ascoltarlo senza costruirci intorno le proprie vite. Ma questa è un’altra storia.

    489