Once Upon a Time: lo spin off ha reclutato la protagonista Alice

Once Upon a Time: lo spin off ha reclutato la protagonista Alice

Lo spin off di Once Upon a Time si chiamerà Once: Wonderland e l'attrice australiana Sophie Lowe è stata scelta per il ruolo principale di Alice

    Once Upon a Time: lo spin off ha reclutato la protagonista Alice

    Lo spin off di Once Upon a Time ha da oggi un titolo e una protagonista! Secondo quanto riportato dal sito Deadline, il progetto si chiamerà Once: Wonderland e ruoterà, come prevedibile, attorno alla figura della giovane Alice. Per interpretare quest’ultima è stata scelta l’attrice australiana Sophie Lowe.

    Alice viene descritta come una fanciulla con una gran cuore e molto generosa, ma segnata profondamente da una vita difficile. A prestarle il volto ci sarà la bionda Sophie Lowe, conosciuta solo dal pubblico australiano, che l’ha vista recitare in alcune serie tv. Accanto a lei troveremo anche Peter Gadiot, attore inglese praticamente sconosciuto. Il ruolo di quest’ultimo sarà quello di Cyrus, destinato a suscitare l’interesse amoroso di Alice. Su di lui non si sa molto, a parte il fatto che ha un passato alquanto misterioso.
    I due si aggiungono all’inglese Michael Socha, già arruolato qualche giorno fa per interpretare il Fante di Cuori. Il personaggio è descritto come un avventuriero solitario, un uomo d’azione e un rubacuori. Socha è il fratello di quella Lauren ex protagonista di Misfits nel ruolo della sboccata Kelly.

    Smentite quindi le voci su uno spin off incentrato interamente sul Cappellaio Matto e su un recasting di quest’ultimo, causa indisponibilità di Sebastian Stan, gli autori sembrano aver delineato il quadro generale del progetto. La speranza è ovviamente quella di tirarne fuori un’altra serie tv di successo, ma la strada è ancora lunga. Per il momento si lavora al pilot da presentare al network e le riprese di una piccola anteprima inizierano il 7 aprile, subito dopo l’ultimo ciak di Once Upon a Time 2.

    Aggiornamento del 29 marzo 2013 a cura di Valentina Proietti

    Once Upon a Time: gli autori parlano dello spin off e smentiscono il recasting

    Once Upon a Time: in arrivo uno spin-off sul Cappellaio Matto?

    Sebastian Stan non verrà sostituto, il Cappellaio Matto di Once Upon a Time è ancora lui. Almeno per il momento. In occasione del Paley Fest 2013, gli autori della serie tv ABC hanno affrontato l’argomento del presunto spin-off e fatto chiarezza su un paio di punti che avevano gettato i fan nello sconforto.

    Quando si è diffusa la notizia che alla ABC stavano lavorano a uno spin-off sulla figura del Cappellaio Matto, la gioia dei fan è stata bruscamente frenata dal fatto che il protagonista non avrebbe avuto il volto di Sebastian Stan. Tuttavia, interpellati in proposito, gli sceneggiatori Edward Kitsis e Adam Horowitz hanno smentito qualunque voce in merito a dei recasting per il ruolo. Al tempo stesso hanno precisato che l’eventuale spin-off non si focalizzerà solo sul Cappellaio ma, più in generale, sul Paese delle Meraviglie. Motivo per cui non rivedremo quel reame negli episodi di Once Upon a Time:

    ‘Se decideremo di esplorare quella realtà lo faremo concentrandoci solo su di essa, come progetto a sè stante.’

    Resta comunque il fatto che Stan sia al momento molto impegnato su vari fronti, cosa di cui i due produttori esecutivi sono ben consapevoli. E’ per tale ragione che il Cappellaio Matto è sparito da Storybrooke da diverso tempo. Kitsis e Horowitz vorrebbero averlo sempre con loro, ma a quanto pare non sono gli unici.

    La buona notizia è quindi che per adesso ancora non è stata presa nessuna decisione e che, col passare del tempo, la disponibilità di Stan potrebbe aumentare. La cattiva notizia è invece che il progetto dello spin-off naviga ancora in alto mare e non lo vedremo realizzato tanto presto.

    Aggiornamento del 6 marzo 2013 a cura di Valentina Proietti

    Once Upon a Time: in arrivo uno spin-off sul Cappellaio Matto?

    Che Once Upon a Time sia una delle serie tv più di successo per la ABC è indubbio. E quando un prodotto televisivo ha grandi numeri e un seguito di fan agguerrito, la prima idea che viene in mente è quella di sfruttarne al massimo il potenziale con uno spin-off. E’ il ragionamento che hanno fatto alla CW, con la probabile partenza di The Originals, nato da una costola di The Vampire Diaries. Ora potrebbe accadere lo stesso alla ABC e a Once Upon a Time: sembrano infatti molto alte le possibilità di veder realizzato uno spin-off dell’amato fantasy, incentrato sul personaggio del Cappellaio Matto. Ma, prima di esultare, sappiate che c’è anche una brutta notizia in merito.

    Il lato negativo della faccenda, infatti, è che l’eventuale protagonista di questo spin-off non sarà Sebastian Stan, che finora ha prestato il volto al Cappellaio Matto in Once Upon a Time. Il motivo è che l’attore è già molto impegnato con altri progetti, che addirittura gli impediranno di tornare a interpretare il ruolo nella serie madre. La sceneggiatura della seconda stagione prevede infatti una sua ricomparsa negli episodi finali, ma Stan non ha potuto dare la propria disponibilità.
    Di conseguenza, in casa ABC è già partito un recasting per il povero Cappellaio Matto e, nel caso in cui il progetto dello spin-off vada in porto, sarà questo ancora sconosciuto attore a guidarlo.

    Il che rende la questione abbastanza rischiosa. E’ vero che il personaggio del Cappellaio è stato uno dei più amati della serie tv, fin dalla sua prima apparizione. La storia del padre disperato, condannato alla prigionia e alla separazione dalla propria figlioletta, ha fatto immediatamente breccia nel cuore dei telespettatori. Una situazione analoga a quella che si è venuta a creare con lo sfortunato Sceriffo/Cacciatore di Biancaneve, interpretato da Jamie Dornan.
    Tuttavia, viene da porsi una domanda: quanto del successo del Cappellaio è dipeso dalla costruzione del personaggio e quanto dalla interpretazione che ne ha dato Sebastian Stan? Perché il rischio che il nuovo volto non susciti il medesimo coinvolgimento del suo predecessore, è elevato. Quando ci si affeziona a un personaggio televisivo lo si fa sia per le sue caratteristiche e costruzione narrativa che per il modo in cui l’attore rende quelle determinate caratteristiche.
    Tenendo presente tutto ciò, sembra azzardato cominciare a lavorare su uno spin-off facendo a meno di quello che sarebbe stato uno dei suoi punti di forza maggiori.
    Come la prenderà il pubblico di fan?

    Articolo originale del 23 febbraio 2013 a cura di Valentina Proietti

    1134

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI