Nord Sud Ovest Est: Max Pezzali, Jack e Paola alla ricerca del tormentone perduto

Su Italia Uno Max Pezzali conduce Nord Sud Ovest Est: insieme a Jack dei Club Dogo e Paola Iezzi troverà i tormentoni perduti

da , il

    Sanremo 2011

    Parte questa sera il nuovo programma di Italia Uno dal titolo Nord Sud Ovest Est – Tormentoni on the Road che ci farà rivivere le hit estive più ascoltate degli ultimi anni in un viaggio musicale e non solo. Alla guida di un vecchio furgone, un trio ad hoc ci porterà indietro nel tempo.

    Estate vuol dire: sole, mare e tormentone. Non c’è niente da fare. La musica con il suo potere evocativo ha la capacità di farci tornare indietro nel tempo e farci ricordare esattamente dove eravamo, con chi e cosa stavamo facendo l’estate in cui Valeria Rossi cantava Sole, cuore, Amore,”quella in cui Nek spopolava con Lascia che io sia e quando le tre sorelle di origine spagnola, le Las Ketchup, ci ossessionavano con Aserejé. Il tormentone è così: o lo ami o lo odi ma non te ne liberi facilmente. Il pulcino pio vi dice nulla?

    E per la serie si stava meglio quando si stava peggio anche Italia Uno si inserisce nel filone amarcord. Infatti in questi giorni sta girando per le strade del nostro bel paese un “Duplo”, un furgoncino hippie anni ’70, con l’obiettivo di recuperare i protagonisti dei successi estivi. Se lo avvistate potreste riconoscere al suo interno un uno strano trio formato da Max Pezzali, Paola Iezzi e Jack la Furia dei Club Dogo. Il trio che a prima vista sembra essere molto eterogeneo, in realtà ha più di una cosa in comune: oltre ad essere dei musicisti, hanno sformato dei tormentoni estivi, Paola è stata insieme alla sorella corista degli 883 e i Club Dogo hanno collaborato con Max per la canzone con un deca.

    Con un furgone vintage e senza aria condizionata lo specialista Max, la Furia Jack e la conturbante Paola – così recita lo spot di Italia Uno – sono alla ricerca dei protagonisti del pop che hanno allietato/rovinato le nostre estati a partire da Boys di Sabrina Salerno dell’1987, passando per Uh la la la di Alexia, fino alla più recente La canzone del capitano di Dj Francesco dotata pure di coreografia con la mano sull’occhio. Come dimenticarlo?

    Alla domanda dell’intervistatore che chiede come ci si sente a condurre un programma come questo Max Pezzali risponde:

    Io mi sono subito esaltato nel senso che mi è sempre piaciuta questa idea storia del tormentone estivo. Andare a cercare il tormentone voleva essere una missione effettivamente divertente. Io sono un fan del pop e del modo pop di fare musica. Quindi il tormentone per certi versi è elemento fondamentale, classico del pop.

    Mentre Paola ricorda i suoi di tormentoni – Vamos a bailar e Festival- afferma che mancava un nel panorama televisivo un programma che parlasse di musica dedicato alle canzoni estive, uno spunto per poter parlare del mondo della musica anche anche da altri punti di vista.

    Stasera andrà in onda la prima puntata e così potremmo riascoltare tormentoni come Vamos a la playa dei Righeira (1983), Easy lady di Ivana Spagna Spagna (1986), Sotto questo sole di Paolo Belli (1990) e Lascia che io sia di Nek (2005). In attesa di decretare quale sarà la canzone dell’estate 2013 possiamo anche noi cantare Nord Sud Ovest Est… e forse il tormentone neanche c’è.