Niente ER per George Clooney

Ad inizio settimana si è sparsa la voce che George Clooney potesse tornare ad interpretare il Dottor Ross nella serie che l’ha lanciato, ER, ma è stato lo stesso attore a smentire le voci in un’intervista a Extra, dove ha dichiarato: “Non me l’hanno chiesto, e in ogni caso, non c’è motivo per ritornare”

da , il

    clooney er

    Ad inizio settimana si è sparsa la voce che George Clooney potesse tornare ad interpretare il Dottor Ross nella serie che l’ha lanciato, ER, ma è stato lo stesso attore a smentire le voci in un’intervista a Extra, dove ha dichiarato: “Non me l’hanno chiesto, e in ogni caso, non c’è motivo per ritornare”.

    A lanciare l’idea di un ritorno di Clooney nella celebre serie medica sono stati i produttori esecutivi di ER, John Wells e David Zabel, che in un’intervista a Entertainment Weekly hanno spiegato (di nuovo) che sarebbero assai felici “di riunire i protagonisti del passato per l’ultima stagione della serie. Vogliamo rivisitare i personaggi che hanno animato lo show nel corso degli anni, mostrare dove sono e cosa fanno: il fatto che a noi piacerebbe non significa che questi ritornino, ma noi ci proveremo”. Oltre a Clooney, Zabel rivorrebbe nello show anche Julianna Margulies nei panni di Carol Hathaway, la capo infermiera con cui il dottore ha avuto due gemelle, mentre è sicuro che rivedremo il dottor Carter, Noah Wyle, per almeno quattro episodi, e Goran Visnjic (Kovac): “La cosa più difficile, ha detto Zabel, sarà riportare nel telefilm Tony Edwards visto che il suo personaggio è morto. È un pò complicato, ma ci sono modi per farlo e ci abbiamo pensato, anche se sembrerà di essere tornati indietro al 1996″. Quanto alla stagione ancora in corso, vedremo Aida Turturro (I Soprano) nel ruolo di una paziente (l’attrice dovrebbe apparire in tre episodi), ed un attore sconosciuto australiano, molto sexy, nel ruolo di un nuovo dottore: “Sarà un marpione sexy, un diavolo a cui non puoi resistere, ha concluso Zabel, un nuovo personaggio ha l’abilità di motivare tutti”.