Niente accordo per le voci dei Simpson, meno episodi per la ventesima stagione

Niente accordo per le voci dei Simpson, meno episodi per la ventesima stagione

Parziali brutte notizie per i fan dei Simpson: se la Fox, il network americano che li trasmette, li ha annunciati nel palinsesto 2008/09, la 20th Century Fox TV non ha ancora concluso un contratto con i doppiatori americani e, senza contratto, sono a rischio almeno due episodi della ventesima stagione!

    spider pork

    Parziali brutte notizie per i fan dei Simpson: se la Fox, il network americano che li trasmette, li ha annunciati nel palinsesto 2008/09, la 20th Century Fox TV non ha ancora concluso un contratto con i doppiatori americani e, senza contratto, sono a rischio almeno due episodi della ventesima stagione!

    Fonti vicine ai doppiatori e alla Fox TV sono comunque ottimiste riguardo ad una conclusione veloce delle trattative, anche se la produzione della prossima stagione dello show, la ventesima, è stata posticipata di mesi, e invece dei consueti 22 episodi potremmo averne, come quest’anno, solo venti. I doppiatori chiave dei Simpson – che nella versione americana sono Dan Castellaneta (Homer), Julie Kavner (Marge), Nancy Cartwright (Bart), Yeardley Smith (Lisa), Hank Azaria (Moe) and Harry Shearer (Mr. Burns) – prendono circa 360,000 dollari per doppiare un episodio, mentre con il nuovo contratto potrebbero arrivare anche a 500,000 dollari, e vari bonus (che poi è la paga standard di molte serie animate, quantomeno quelle di successo, ndr): “Contrariamente agli ultimi negoziati, spiega un insider, non c’è rabbia o frustrazione”. Già nel 2004 le voci dei Simpson ‘scioperarono’ per due sedute di doppiaggio, chiedendo un aumento di paga rispetto agli allora 125,000 dollari ad episodio; peggio andò nel 1998, quando Castellaneta e soci dovevano accontentarsi di ‘soli’ 30,000 dollari: in quell’occasione, la 20th assunse dei direttori di casting per trovare dei rimpiazzi in cinque città diverse.

    Secondo una fonte, i doppiatori vorrebbero un ingaggio ‘degno’ di tutti i soldi che la Fox guadagna grazie ai Simpson, ingaggio che sarebbe solo una piccola fetta di tutti gli introiti, visto che il cartoon, fenomeno globale in tutto il mondo, rende miliardi di dollari tra licenze, merchandaising e diritti vari: la trattativa dovrebbe risolversi a breve, probabilmente in settimana, ma più tardi si conclude, meno episodi dei Simpson avremo.

    373

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI