Morto Robin Williams: debuttò in tv con Mork e Mindy, l’ultima serie tv The Crazy Ones

Morto Robin Williams: debuttò in tv con Mork e Mindy, l’ultima serie tv The Crazy Ones

Robin Williams trovato morto in casa, la polizia americana pensa a un suicidio

da in Film, Personaggi Tv, Serie Tv, Serie TV Americane
Ultimo aggiornamento:

    Robin Williams è morto. Ci sarebbe un suicidio per asfissia dietro l’addio ad uno degli attori più talentuoso degli ultimi anni, che deve la sua popolarità alla televisione: fu la sitcom Mork & Mindy, in onda per quattro anni dal 1978 al 1982 (sulla rete ABC, in Italia trasmessa da Rai Uno e Italia 1), a lanciare quello che fino ad allora era stato un attore di teatro. Grande il cordoglio del mondo spettacolo (e non solo) americano, con un discorso scritto dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama che ricorda come Williams “ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere, ha donato il suo incommensurabile talento a chi ne aveva più bisogno“, offrendo le condoglianze sue e della famiglia ai parenti, agli amici e ai colleghi del grande attore.

    Morto Robin Williams, nato a Chicago il 21 luglio 1951: dopo un periodo in teatro, l’attore ottiene una grande popolarità televisiva grazie alla serie tv Mork & Mindy, in onda per quattro anni in cui Williams interpretava l’alieno Mork, arrivato sulla Terra dal pianeta Ork su un’astronave a forma di uovo (il personaggio era apparso di ‘striscio’ in Happy Days) e ‘adottato’ dalla protagonista Mindy per introdurlo agli usi e costumi umani.

    Williams passò poi al cinema – ma non dimenticò la tv, dove aveva vinto due Emmy nella categoria Outstanding Individual Performance in a Variety or Music Program con Carol, Carl, Whoopi and Robin (1987) e ABC Presents: A Royal Gala (1988) – con film di grande successo per pubblico e critica. Citiamo tra gli altri L’Attimo Fuggente, Good Morning, Vietnam, Mrs.

    Doubtfire – per cui si parlava di un sequel – Good Will Hunting (premio Oscar quale miglior attore non protagonista per il film diretto da Gus Van Sant e con la sceneggiatura di Matt Damon e Ben Affleck) e Patch Adams.

    Negli ultimi anni la sua carriera si era un po’ appannata, e forse anche questo aveva portato Williams alla depressione certificata dalla sua addetta stampa, che ha reso nota la morte di Robin Williams, parlato della grave depressione di cui soffriva da anni, chiesto rispetto per la privacy della famiglia e rilasciato una breve dichiarazione della moglie dell’attore, Susan Schneider: “Ho perso mio marito e il mio miglior amico. Il mondo ha perso uno dei migliori artisti e persone“.

    A riportare le cose in carreggiata, avrebbe dovuto essere nuovamente la tv: dopo alcune comparsate – in Friends, all’apice del successo, ma anche in Law & Order – Unità vittime speciali, Wilfred e Louie – l’anno scorso Robin Williams era stato scritturato per The Crazy Ones, serie tv CBS con protagonista l’attore nel ruolo di Simon Roberts, brillante quanto stravagante titolare della Roberts & Roberts, un’agenzia pubblicitaria che manda avanti alla figlia Sydney (Sarah Michelle Gellar). Nonostante il cast con buoni nomi (James Wolk, Hamish Linklater e Amanda Setton) e il traino della corazzata The Big Bang Theory, The Crazy Ones non era decollata ed è stata cancellata agli scorsi upfronts dopo una sola stagione.

    Al momento la morte di Williams è catalogata come suicidio, ma se ne saprà di più non appena verranno resi noti i risultati dell’autopsia che dovrebbero svolgersi nei prossimi giorni, e delle indagini attualmente in corso. Tanti i messaggi di cordoglio, anche su Twitter: e scorrendo gli hashtag #robinwilliams e #riprobinwilliams si trovano tanti volti comuni, ma anche Steve Martin, Lance Armstrong, Anna Kendrick, Kelly Clarkson, Ellen DeGeneres.

    690

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FilmPersonaggi TvSerie TvSerie TV Americane