Morto Mago Zurlì: addio a Cino Tortorella, il conduttore de Lo Zecchino d’oro

Alla soglia dei novant'anni, si è spento l'autore e regista che ha dato vita allo spettacolo per eccellenza dedicato ai bambini

da , il

    E’ morto il Mago Zurlì. La tv dà l’addio a Cino Tortorella, storico conduttore de Lo Zecchino d’Oro su Rai 1: è stato lui proprio lui ad inventare e condurre per anni lo show dedicato ai bambini e alla loro musica. Autore e regista, si è spento alla soglia dei novant’anni – che avrebbe compiuto a giungo – a Milano. Tantissimi i messaggi di cordoglio per un personaggio che ha fatto la storia dello spettacolo italiano.

    Il mondo della televisione, dunque, piange Cino Tortorella: il Mago Zurlì è morto nel capoluogo lombardo giovedì 23 marzo 2017. Storico conduttore de Lo Zecchino d’Oro – che ha ideato e presentato per più di cinquanta anni tanto da entrare nel Guinness dei primati – è stato uno dei rappresentanti del mondo dello spettacolo italiano. Nato a Ventimiglia il 27 giugno 1927, è stato un autore e conduttore televisivo grande appassionato di gastronomia.

    Oltre ad essere stato il volto de Lo Zecchino d’oro, però, Cino Tortorella ha firmato tantissimi altri programmi di punta della Rai.

    Abbandonati gli studi di giurisprudenza, partecipò alla selezione della Scuola d’Arte Drammatica del Piccolo Teatro di Milano dove promosse la messa in scena di uno spettacolo teatrale per ragazzi da cui nacque la figura del Mago Zurlì. Da ‘Zurlì, mago Lipperlì’ venne tratta, poi, la sceneggiatura di ‘Zurlì, mago del giovedì’, programma televisivo andato in onda nel 1957 e dal quale prese spunto per lo Zecchino d’Oro.

    Era il 1959 quando lo spettacolo canoro per bambini andò in onda per la prima volta e, da allora e per ben cinquantuno anni, fu sempre Cino Tortorella a condurlo nei panni del Mago Zurlì, figura sopravvissuta nella trasmissione televisiva fino al 1972. Per la tv di Stato, inoltre, il compianto conduttore televisivo, ha firmato anche show importanti come ‘Chissà chi lo sa?’, trasmesso per ben dodici anni, ‘Scacco al re’ e ‘Dirodorlando’.

    La notizia della morte di Cino Tortorella ha colpito l’intero mondo dello spettacolo e tutti i bambini – oggi adulti – che ricordano i siparietti di Mago Zurlì con Topo Gigio: se ne va, così, un pezzo della storia delle televisione italiana.