Morgan: “In tv mi diverto e poi XFactor è meglio di Sanremo”

Morgan: "XFactor meglio di Sanremo"

da , il

    Da ribelle cantante dei Bluvertigo a personaggio tv il passo è stato “breve”: sono bastate le prime due puntate di XFactor perchè Morgan diventasse una star della tv. Ospite del Festival delle Culture Giovani (a Salerno dal 16 al 20 aprile), Morgan ha chiacchierato con i ragazzi della sua nuova vita televisiva e ha dato vita ad una piacevole serata di musica anni Settanta. Niente elettronica, solo un pianoforte a coda.

    Nella chiesa sconsacrata di Santa Sofia, nel centro storico della città, Morgan ha intrattenuto il giovane e numeroso pubblico non solo con la sua spigliatezza, quel suo parlare senza peli sulla lingua che lo ha reso, con Mara Maionchi, uno dei personaggi più amati del talent show di RaiDue, ma anche con un repertorio musicale che ha spaziato dai suoi successi a quelli di Bruno Lauzi, Umberto Bindi, Luigi Tenco e Fabrizio De Andrè. Voce e piano per un’esibizione fuori dagli schemi, fuori dalle classiche “collocazioni” discografiche di cui tanto si discute nelle puntate di XFactor dopo le prove dei concorrenti in gara.

    Già, XFactor: non è potuta ovviamente mancare da parte dei ragazzi una domanda sulla sua esperienza tv e la risposta è stata immediata e senza esitazioni: “E’ più bello di Sanremo (dove è andato con i Bluvertigo nel 2001). E pensare che avevo pregiudizi verso la tv“. Invece l’aver potuto imprimere un suo stile alla categoria Gruppi vocali (in cui sono sopravvissuti gli Aram Quartet e I Sei Ottavi) gli ha permesso di godersi al meglio la partecipazione ad un reality. “Ho conosciuto autori straordinari - continua Morgan – con i quali è stimolante lavorare. Il risultato è che mi sto divertendo moltissimo, anche se come artista sembra che tenga il piede in due scarpe”. In effetti niente è sembrato più lontano dal mondo della tv di lui, personaggio ribelle ed eclettico, che proprio per queste sue caratteristiche è stato invitato dal Festival delle Culture Giovani, dedicato quest’anno al Sessantotto, nel quarantennale delle rivolte studentesche.

    Una buona parola Morgan l’ha dedicata anche a Simona Ventura, solitamente accusata di avere un carattere spigoloso e apparentemente arrogante: “La Ventura? Da noi è umile e disponibile“, la difesa di Morgan che poi si è lasciato andare sul palco, con le sue sigarette e una bottiglia di vino rosso che l’ha accompagnato per tutta l’esibizione. Un gran personaggio, senza dubbio, che la tv ha permesso di conoscere al di là del trucco provocatorio, del gossip sulla sua burrascosa relazione con Asia Argento, dell’aura da maudit che ben si adattava al leader dei Bluvertigo, gruppo che tornerà presto a lavorare insieme. Presentazione ufficiale nella puntata del 12 maggio di Storytellers (MTV), già registrata qualche settimana fa, in cui i Bluvertigo sono tornati a suonare e di cui verrà messa in vendita la registrazione realizzata durante il programma.

    Rivedremo Morgan alle prese con il suo ruolo di capitano e giudice di XFactor martedì 22 aprile: nuova eliminazione e ultimo ingresso per il talent di RaiDue che approda, finalmente, alla sua stabile collocazione e che seguiremo con la nostra blogcronaca a partire dalle 21.05.