Monte Bianco: Angelo Teodoli risponde alle polemiche del CAI

Monte Bianco: Angelo Teodoli risponde alle polemiche del CAI

Monte Bianco travolto dalle polemiche del CAI: Angelo Teodoli risponde alle critiche sollevate dagli alpinisti italiani

da in Programmi TV, Rai 2, Reality Show, Monte Bianco
Ultimo aggiornamento:

    A pochi giorni dall’inizio di Monte Bianco, Angelo Teodoli risponde alle polemiche del CAI – Club Alpino Italiani – che chiedeva “rispetto per la montagna”. Il docu-reality di Rai 2 partirà il 9 novembre e, molti mesi prima della sua messa in onda, aveva attirato le critiche di associazioni italiane e d’oltralpe che puntano a preservare la natura piuttosto che renderla una forma di spettacolo. Il direttore di Rai 2, Angelo Teodoli, tiene a precisare che Monte Bianco è un programma finalizzato a far conoscere la montagna da un punto di vista diverso, i vip concorrenti saranno guidati da esperti della scalata, dovranno affrontare dure prove e vivere nei campi base.

    Angelo Teodoli placa le polemiche del CAI contro Monte Bianco, il docu-reality in onda dal 9 novembre. Come spiega il direttore di Rai 2, il programma è stato “fatto a impatto zero, i concorrenti sono esseri umani come gli alpinisti, quindi, dal punto di vista di deturpazione del territorio non c’è nulla”. Teodoli, precisa, inoltre, che “sono state raccontate la bellezza della montagna e le reazioni umane dei partecipanti, che hanno scalato come dovevano e come fanno tutti quanti” rassicurando chi temeva che la natura potesse essere sfruttata per il mero spettacolo televisivo. In merito alle critiche sollevate nei confronti di Monte Bianco, interviene anche Simone Moro, uno dei più grandi alpinisti italiani al mondo, che affianca Caterina Balivo alla conduzione: “Questi concorrenti sono esattamente come quelli che si iscrivono a un corso del CAI, che chiedono alle guide alpine di farsi accompagnare in montagna. Noi abbiamo dato a queste persone per un mese le uniche figure professionali previste dalla legge”.

    Una risposta arriva anche per chi, oltre il confine italiano, aveva criticato Monte Bianco. Angelo Tedoli spiega: “Noi siamo stati nel versante italiano, abbiamo camminato sul crinale, il confine di stato; forse avremo anche messo un piede di là, ma comunque c’è Schengen, quindi potremmo avventurarci anche un passo oltre il confine”. Come dice Caterina Balivo, volto femminile del docu-reality, le polemiche sollevate ad agosto nei confronti di un programma che era ancora in fase di lavorazione, sono state “un po’ una botta di calore” e, almeno per il momento, pare che si siano placate.

    Aggiornamento a cura di Luana Rosato del 4 novembre

    Monte Bianco, polemiche sul reality di Caterina Balivo: ‘La Rai abbia rispetto per la montagna‘, chiede il Cai in ina nota, che arriva molto prima della messa in onda, ufficialmente prevista a novembre su Rai 2. Il Club Alpino Italiano non è molto contento del concept del programma Magnolia, che prevede una serie di vip alle prese con la scalata della vetta più alta d’Italia: un modo per far conoscere la montagna coniugandola con uno dei generi – il reality – più seguiti del momento, ma che non manca di destare perplessità.

    Estate al centro delle polemiche per Caterina Balivo: il suo Monte Bianco, il reality in cui sette concorrenti (si parla tra gli altri di Filippo Facci, Gianluca Zambrotta, Petra Loreggian, Caterina Guzzanti e Jane Alexander) affronteranno la scalata della celebre montagna, aiutati da guide alpine.

    Una ‘sceneggiatura’ che non convince il Club Alpino italiano (Cai), che parla di una follia irrispettosa per la montagna, usata per fare audience invece di essere rispettata o salvata. Arrampicandosi un po’ sugli specchi – o forse no – il Cai se la prende anche con la ‘disinformazione’ fatta dalla conduttrice, che aveva detto di essere pronta a salire sul Monte Bianco con le scarpe da trekking: peccato – scrive il Cai, consigliando alla Rai di usare fotomontaggi o finti ghiacciai – che in quota si usano scarponi d’alta montagna e non scarpe da trekking.

    Minuzie a parte, è immediata la replica di Viale Mazzini, che tramite il direttore di Rai 2 Angelo Teodoli spiega che Monte Bianco non sarà una sorta di Montagna dei famosi, ma un programma televisivo che proponiamo proprio per far conoscere la montagna con un linguaggio diverso, in cui i vip non solo, come detto,saranno accompagnati da vere guide alpine valdostane, ma vivranno nei campi base e dovranno affrontare dure prove. ‘Persone famose che dovranno imparare cosa significa stare lassù‘, conclude Teodoli, aggiungendo inoltre di pensare a Monte Bianco anche come ad un modo per promuovere la bellezza delle Alpi.

    Laddove il Cai parla di poco rispetto per l’alpinismo, insomma, la Rai ritiene che più che polemizzare sul programma lo si dovrebbe applaudire (e quantomeno prima vedere): detto che ci pare il caldo dia un po’ alla testa a tutti, il responso sulla qualità di Monte Bianco lo daranno, come sempre, gli ascolti.

    878

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Programmi TVRai 2Reality ShowMonte Bianco Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/06/2016 07:50
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI