Mondiali Calcio 2010, Iker Casillas bacia in diretta Sara Carbonero

Mondiali Calcio 2010, Iker Casillas bacia in diretta Sara Carbonero

Alla fine ha zittito tutti

    La loro relazione era stata nell’occhio del ciclone: il portiere e capitano della Spagna distratto dalla compagna, la giornalista Sara Carbonero, a bordo campo per seguire il Mondiale invece nulla di più falso… Casillas ha dimostrato sul campo di essere uno dei migliori giocatori di tutto il Mondiale sudafricano e ha messo fine una volte per tutte a le voci che lo volevano troppo preso e quindi distratto dalla bella Carbonero. Basta con le cattiverie, il portiere campione del mondo ha preso in mano la situazione e ha baciato la sua giornalista.

    Tutti hanno parlato di loro e sono diventati più famosi dello stesso Jabulani, il discusso pallone di Sud Africa 2010. Dopo un Mondiale pieno di speculazioni e di bocconi amari, Íker Casillas durante l’intervista in zona mista della Carbonero, si è scordato di tutto e non ha potuto resistere: ha baciato la sua fidanzata come se fosse stato Humphrey Bogart in Casablanca.
    Alta tensione durante l’intervista. Il portiere aveva questa cosa in mente, questo lasciava intravedere il suo gesto da guascone e in un mezzo secondo ha preso la decisione. La Carbonero è rimasta esterafatta, perché sa di avere tutti gli occhi puntati su di lei, brillanti gli occhi del portiere che non è riuscito a esprimersi con chiarezza alla giornalista di Telecinco: “Lo dedico ai miei genitori, a mio fratello“, ha detto un commosso Casillas.

    Non è successo niente, parliamo della partita“, ha tentato la Carbonero di riprendere le redini dell’intervista, ma ecco il gesto negativo di Casillas che la interrompe e la spiazza con un tenerissimo bacio.

    E questo bacio, forse l’immagine più vista della finale dopo il sollevamento della prima Coppa del Mondo per la Roja, con protagonista lo stesso capitano della nazionale spagnola. Sara Carbonero, senza dare credito alla reazione del suo fidanzato, solo ha avuto il tempo di reagire con un: “Madre mía!… Poi continuiamo, Jota. Va bene?“, ha detto prima di dare la linea al collega J. J. Santos.

    379