Moige contesta Squadra Antimafia e E.R.

Moige contesta Squadra Antimafia e E.R.

La maglia nera dei genitori del Moige viene assegnata ad Aprile a Canale 5 e RaiDue per Squadra Antimafia- Palermo Oggi, E

    Squadra Antimafia e E.R.

    Rinnoviamo un appuntamento consueto per Televisionando, quello con la valutazione mensile che il Moige dà alle trasmissioni tv italiane. Ad Aprile i genitori italiani assegnano la propria ‘maglia nera’ a Canale 5 per Squadra Antimafia – Palermo oggi per le scene violente e a RaiDue per la ‘scarsa etica’ di E.R..

    Partiamo da Canale 5: a far sobbalzare i genitori dalle sedie e spingerli a chiamare il Moige per segnalare il proprio disagio davanti alla tv non sono stati i reality show di Canale 5 (dal Grande Fratello 9 a La Fattoria), bensì Squadra Antimafia – Palermo Oggi, ma con dei distinguo. Positiva l’immagine del vicequestore Claudia Mares, interpretata da Simona Cavallari, negativi, invece, alcuni comportamenti della squadra che “sembra vivere situazioni di solitudine e incomprensione dove la responsabilità del proprio lavoro diventa causa, alibi e fuga contemporaneamente. Questi elementi, sommati alle immagini forti di violenza propri della fiction, ovviamente non adatti alla fascia protetta hanno reso il prodotto poco gradito alle famiglie che hanno così espresso un giudizio negativo“. A favore della serie Taodue, però, il fatto che abbia ribaltato la prospettiva eroica della mafia che aveva caratterizzato Il Capo dei Capi.

    Apprezzati invece su RaiUno Bakhita e David Copperfield, mentre per i film non è dispiaciuto Shall We Dance, con Richard Gere e Jennifer Lopez (protagonisti che certo i genitori non disprezzano), in replica su RaiUno.

    Le reti Rai ‘peccano’ con E.R. e Annozero.
    La colpa di E.R. è di aver “cambiato il principio ispiratore – come recita il comunicato stampa – perché i medici non sono più eroi che con una scarsa retribuzione sacrificano la propria vita per salvare quella dei pazienti, ma personaggi che affrontano le emergenze nella confusione più totale, con freddezza e eccessiva rapidità. Immagini molto forti riguardanti interventi e medicazioni e il costante scontro con i familiari dei pazienti che evidenzia uno scontro di interessi, rendono la situazione ulteriormente cinica e la visione assolutamente non adatta ai minori“.
    Di Annozero, invece, non è piaciuta la prima puntata sul terremoto d’Abruzzo, poco gradita dalle famiglie: “Cercando sempre il lato negativo in ogni cosa, seppur con il nobile obiettivo di scovare ed eliminare le ingiustizie – dice il Moige – nel programma ci si dimentica spesso che, nonostante tutto, in Italia esistono anche tanti eventi positivi che andrebbero evidenziati“.

    L’impressione è che ad Aprile ci sia stato davvero ben poco a cui appigliarsi per i genitori del Moige che evidentemente amano i reality e non li considerano tanto negativamente, compreso quello splendido esempio di equilibrio ed educazione che è stato La Fattoria. Quel che ci colpisce di più è il giudizio dato su E.R.: davvero i minori hanno percepito il cambio di rotta nella costruzione narrativa di E.R.? O piuttosto i genitori, fans della serie, si sono semplicemente trovati disorientati di fronte a una serie amata? Non fate ricadere sui figli i giudizi dei padri…

    650

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI