Miss Italia vive e lotta con noi… e prova il talent show

Miss Italia vive e lotta con noi… e prova il talent show

    Milly Carlucci agguerrita per Miss Italia

    Miss Italia sarà come un talent show” ha promesso Milly Carlucci, prima donna a condurre la finalissima del concorso, in onda dal 12 al 14 settembre su RaiUno. E intanto protesta con i vertici Rai che non la menzionano durante la presentazione dei palinsesti autunnali: “Ci sono anche io: Miss Italia è viva e lotta insieme a noi“.

    Che Milly Carlucci sia battagliera non lo scopriamo oggi: ma dalla signora ‘bene’ della tv di Stato non ci aspettava una sortita così clamorosa durante la ‘soirée’ low profile della presentazione dei palinsesti autunnali Rai svoltasi ieri sera e raccontata da Libero. Mentre i direttori di rete snocciolavano gli show di prima serata, Milly è salita furiosa sul palco con tanto di gamba ingessata per proclamare coram populo che Miss Italia vive e lotta insieme a noi, nonostante la ‘distrazione’ dei vertici Rai. Una mossa d’orgoglio per la padrona di casa del sabato sera primaverile di RaiUno, che con il suo Ballando con le Stelle non è stata neanche nominata, tantomeno celebrata per i buoni ascolti del suo show.

    E a proposito di talent, non c’è dubbio che il genere sia di moda e spopoli ormai nella tv italiana: tra programmi storici e new entry (da Amici ad Academy, passando per XFactor, Vuoi Ballare con me?, etc), tra fiction trasmesse e in fase di scrittura (Non Smettere di Sognare e Ritmo), sembra che basti pronunciare la parola talent per assicurarsi il successo e conquistare il pubblico più giovane.

    Per non lasciare intentata nessuna via, anche Miss Italia cerca di esorcizzare gli opachi risultati degli ultimi anni giocandosi la carta del talent show. Per svecchiare un format che giunge quest’anno alla sua 70ma edizione si sta tentanto ogni via: intanto il cambio di conduzione, affidato per la prima volta a una donna che peraltro di talent e reality se ne intende, ovvero Milly Carlucci, che con Ballando con le Stelle e Notti sul Ghiaccio (un po’ meno con Uomo e Gentiluomo) ha traghettato il pubblico di RaiUno nei ‘meandri’ del reality, anche se declinato in maniera decisamente soft.

    il richiamo al talent si annuncia, quindi, come un modo per alleggerire il clima solitamente ‘pesante’ che accompagna le lunghe serate finali del concorso di bellezza per antonomasia del nostro Paese. “Il talento delle Miss è la bellezza – ha detto Milly Carlucci a Tv Sorrisi e Canzoni – ma una ragazza non è bella senza personalità. Il nostro primo obiettivo è portare le ragazze sotto i riflettori con maggiore visibilità, in modo che il pubblico impari ad amarle, attraverso varie prove in cui si raccontano“. E per riuscirci al meglio Milly porta con sé a Salsomaggiore tutto il suo team di autori, quelli che l’accompagnano ormai da anni a Ballando . Già prevista lìeliminazione di 20 ragazze a sera, senza ripescaggi o amenità del genere: alla fine a contendersi la fascia della più bella d’Italia saranno in 20.

    Altra novità dell’edizione 2009 la creazione di un concorso web, ennesima trovata molto di moda: chi non ha la possibilità di partecipare al tour di selezioni potrà presentare la propria candidatura via internet e partecipare così a Miss Italia Web 2009.

    Una commissione ad hoc selezionerà trenta ragazze tra tutte quelle che parteciperanno al ‘casting web’ (che però si chiude venerdì 19 giugno), che saranno poi sottoposte al giudizio degli internauti: le più votate accederanno direttamente alle prefinali di Salsomaggiore.
    E sull’onda del talent show, Miss Cinema ‘vincerà’ l’ingresso al corso per attori del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, in barba a quanti, ogni anno, non riescono a passare le selezioni.

    Per completezza, però, diciamo pure che la via dell’alleggerimento quest’anno passa anche per le ‘disastrate casse’ della Rai, che ha ridotto il numero delle serate a tre e quello delle concorrenti a 60. E questo ci sembra un gran bel passo avanti, che potrebbe dare più ritmo al programma. Eh sì, perché è proprio il ritmo che difetta in questi grandi eventi tradizionali di casa Rai: si spera che Milly, con la sua energia e con la sua parlantina sciolta, replichi il miracolo fatto da Paolo Bonolis a Sanremo 2009. Milly ha le carte in regola per farcela: lo spirito battagliero, come si è visto anche ieri sera, non le manca. Speriamo che non venga schiacciata dai ‘puristi’ della liturgia. In bocca al lupo!

    911