Miss Italia 2011, la Mirigliani punta all’etica, colpa della Bonasia?

Miss Italia 2011, la Mirigliani punta all’etica, colpa della Bonasia?

Nuova svolta per Miss Italia, Patrizia Mirigliani si impegna in prima persona a trasmettere alle prossime candidate alla fascia più ambita i valori etici e morali che possano illuminarle nella vita

    patrizia mirigliani

    Patrizia Mirigliani per la prossima edizione di Miss Italia punta all’etica. Forse alla luce dei fatti di attualità e gossip che imperano su tutti i media in questi giorni e, avendo visto che, ad essere coinvolta nel tritacarne mediatico c’è anche una della sue ragazze, Roberta Bonasia, in molti indicata come la fidanzata del premier, la sacerdotessa di tutte le Miss, decide di virare verso una riscoperta dei valori morali. La manifestazione in questi giorni sta mutando velocemente, segno che davvero Patrizia Mirigliani vuole una Miss Italia più vicina alla realtà.

    E così dopo l’evoluzione che ha portato all’apertura alla taglia 44, adesso si pensa anche alla morale, ai valori della vita, quelli che contano. Prende posizione Patrizia Mirigliani e in un certo senso anche le distanze dal tanto chiacchierare delle giovanissime alla corte del premier.

    Chiamata direttamente a rispondere alla domanda su cosa ne pensasse della Bonasia, risponde che la reputa una bella ragazza ma che non può conoscere la vita di tutte le partecipanti al concorso. Poi però aggiunge, “La prossima edizione di Miss Italia sarà all’insegna dell’etica e dei valori della vita e spigherò loro che tutto si può ottenere attraverso la bellezza”.

    E non risparmia neanche qualche considerazione sull’attuale condizione della donna, “Sono dispiaciuta per l’attuale mondo femminile, frutto dei tempi e dell’andamento della società odierna. Abbiamo aperto alla taglia 44 perchè vogliamo trasmettere l’idea che non solo di estetica si vive oggi, ma anche di armonia e dei valori veri della vita.

    Vogliamo valorizzare il mondo dei giovani, le loro attitudini e capacità, per mettere le ragazze in condizione di realizzarsi, non solo attraverso la bellezza”.

    Un grande passo in avanti per Miss Italia che sembrava un concorso destinato a rimanere fossilizzato su certi canoni irreali. Si apre alla taglia 44 e questo, solo una settimana fa sembrava una svolta epocale, il massimo che si potesse fare. E invece, poiché la realtà corre veloce, ecco che la Mirigliani aggiusta il tiro, non solo forme più generose, diciamo finalmente normali, ma anche valori morali, basta far credere che la bellezza apra tutte le porte e poi, ancora sulla Bonasia, “non conosco i suoi retroscena di vita, ma posso dire che quando le ragazze partecipano al concorso sono blindatissime e non possono sentire alcuna pressione dal mondo esterno”.

    Tornando alle novità di Miss Italia, anche la conduzione potrebbe cambiare, il team è alla ricerca di un volto in linea con i nuovi contenuti del concorso e poi Patrizia Mirigliani rilancia un grande tema, la solidarietà femminile dichiarando che “Mai come quest’anno aprirò alle donne che mi vorranno sostenere in questo progetto, è importante che riusciamo a fare squadra e ad essere solidali l’una con l’altra”. Nulla di confermato quindi per Milly Carlucci che potrebbe non essere più al timone della kermesse nell’edizione 2011, intanto però apprezziamo gli sforzi della Mirigliani, anche se, i dubbi sulla necessità di Miss Italia rimangono.

    574

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI