Miss Italia 2011 a Roccaraso? Le miss in campagna elettorale

Miss Italia 2011 a Roccaraso? Le miss in campagna elettorale

Un candidato sindaco al Comune di Roccaraso lancia un appello agli imprenditori e alle istituzioni abruzzesi: portiamo Miss Italia 2011 a Roccaraso

da in Miss Italia 2016, Politica
Ultimo aggiornamento:

    Miss Italia a Roccaraso?

    Un appello agli imprenditori e alle Istituzioni abruzzesi per portare Miss Italia 2011 a Roccaraso: questa la proposta lanciata da Alessandro Amicone, candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative per il Comune di Roccaraso. Abile mossa propagandistica, non c’è che dire: il problema, però, è ‘racimolare’ 600.000 euro necessari per l’organizzazione della kermesse.

    Come ormai noto, Miss Italia abbandona Salsomaggiore per le difficoltà economiche del comune emiliano che non ha fondi per sostenere l’accordo stipulato l’anno scorso con la Miren, società che fa capo a Patrizia Mirigliani che da decenni organizza il concorso di bellezza più longevo d’Italia. Una separazione consensuale che però lascia Miss Italia 2011 senza una location: ne ‘approfitta’ al volo uno dei candidati sindaci alle prossime elezioni amministrative del Comune di Roccaraso, che chiama a raccolta imprenditori e istituzioni per sostenere economicamente la possibilità di vedere le Miss sfilare in una delle stazioni sciistiche più famose della penisola.

    Lancio un appello agli imprenditori e alle istituzioni abruzzesi e in particolare a quelli dell’altopiano delle Cinque Miglia, affinché si possa realizzare un sogno e portare questo prestigioso concorso in Abruzzo e io aggiungo a Roccaraso“: questa l”invocazione’ di Alessandro Amicone, candidato sindaco di Roccaraso. “So bene – aggiunge il candidato – che occorre trovare fondi per almeno 600 mila euro, ma sono convinto che questa opportunità rilancerebbe l’economia del nostro territorio e riporterebbe Roccaraso ai fasti degli anni ’80. E’ un’impresa che ha bisogno del coinvolgimento di tutte le forze economiche del territorio ed anche del sostegno della Regione e della Provincia“. L’idea non è malvagia, ma perché non resti una provocatoria trovata elettorale bisognerà raccogliere un bel po’ di soldi, e in tempi brevi.

    319

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Miss Italia 2016Politica