Minzolini fa ‘outing’: “Al Tg1 fino a quando Berlusconi sarà premier”

Minzolini fa ‘outing’: “Al Tg1 fino a quando Berlusconi sarà premier”

    berlusconi minzolini

    Intervistato da Giuseppe Cruciani per La Zanzara, trasmissione di Radio 24, il direttore del Tg1 Augusto Minzolini getta benzina sul fuoco delle polemiche che da tempo lo circondano: “Credo che resterò alla direzione del Tg1 sino a quando ci sarà Berlusconi, poi non so. D’altronde in Rai funziona così, Riotta al mio posto è durato quanto Prodi“. Piovono critiche dal PD e dall’Idv.

    Proprio mentre la Procura di Roma ha indagato Minzolini e Berlusconi per abuso d’ufficio per l’intervista a ‘reti unificate’ concessa dal Premier venerdì 20 maggio, proprio mentre la Rai discute delle salate multe inflitte al Tg1 e al Tg2 per ripetute violazioni della Par Condicio, arriva dalle frequenze di Radio 24 un ulteriore motivo di polemica per il direttore del Tg1, Minzolini.

    A Giuseppe Cruciani che gli chiedeva un ‘pronostico’ sulla sua ‘durata’ alla direzione del Tg dell’ammiraglia Rai, Minzolini ha placidamente risposto che manterrà l’incarico fin quando al Governo ci sarà Berlusconi. Del resto i precedenti non è che gli diano tanto torto, visto che la rotazione dei vertici Rai (dai direttori di testata a quelli di redazione) è segnata dall’alternarsi dei governi. Ma il momento particolarmente caldo e la discussa condotta del direttore (messo sotto accusa dai suoi stessi giornalisti – l’ultimo caso è quello di Elisa Anzaldo – e al centro di un’indagine Rai per ‘appropriazione indebita’ di fondi aziendali) rende le sue dichiarazioni particolamente delicate.

    Immediata la reazione delle opposizioni: “Il direttorissimo ha fatto outing – dice Leoluca Orlando dell’IdV - Non avevamo bisogno della sua confessione perché è noto che Minzolini lavora per palazzo Chigi e non per l’interesse dell’azienda pubblica e dei cittadini che pagano il canone.

    Le notizie dal Tg1 ormai sono scomparse da tempo così come i telespettatori. Speriamo che presto finisca anche questa brutta pagina di una storica testata ridotta a megafono di palazzo Chigi“.

    Fa eco il PD: “La misura è colma, Minzolini si comporta da tifoso e dimentica di essere il direttore del principale telegiornale delle televisioni pubbliche” dichiara Vinicio Peluffo, che vede però vicina l’era Minzolini. “Il direttore si sta dimostrando del tutto inadeguato ma per fortuna comincia ad essere sgradito anche in importanti settori della maggioranza“. Che la necessità di un rinnovamento nel centrodestra porti le prime, illustri vittime?

    453

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI