Miley Cyrus confessa: Fumo erba, non sono perfetta

Miley Cyrus ha pubblicamento chiesto scusa ai suoi fan per il video circolato sul web mentre fuma erba allucinogena

da , il

    Anche se con notevole ritardo Miley Cyrus finalmente ammette le sue colpe e chiede scusa: in una recente intervista la giovanissima protagonista di Hannah Montana ha confessato di fumare erba riconoscendo di non essere perfetta (ma nessuno lo è) e di dover stare più attenta ai suoi comportamenti, sia in pubblico che in privato, perché è un esempio per i milioni di fan teenager che ha conquistato in tutto il mondo interpretando la famosissima serie tv di Disney Channel.

    Fumo erba, non sono perfetta. Non dovrei farlo, sono un esempio. È stata una pessima decisione per via dei miei fan”: con queste dichiarazioni rilasciate sulle pagine di Marie Claire Miley Cyrus si scusa e cerca di prendere le distanze dall’ultimo scandalo che l’ha travolta.

    Il mea culpa della cantante e attrice prodigio lanciata da Disney Channel arriva però con un po’ di ritardo: l’imbarazzante video in cui si vede chiaramente che fuma un’erba allucinogena con un bong, e che ha fatto tanto clamore sul web, risale infatti a più di due mesi fa. Una ragazzata per festeggiare i suoi 18 anni che l’è valsa il nomignolo di “Bob Miley” e una pioggia di critiche, a partire da quelle di suo padre, Billy Ray Cyrus, che su Twitter aveva postato quanto segue: “Mi dispiace. Non avevo idea. Ho appena visto questa roba per la prima volta. Sono così afflitto e devo ammettere che in questo momento molte cose vanno al di là del mio controllo”.

    Dalle sue parole Miley sembra comunque aver capito e imparato la lezione: “È vero, molti giovani abusano di droghe peggiori ma loro non sono Miley Cyrus e non sono dei modelli di comportamento. Sono delusa da me stessa per aver deluso i miei fans”. Basterà a ricucire il rapporto con loro? Chissà, intanto secondo un sondaggio di America Online la Cyrus è risultata essere la star che esercita la peggiore influenza sui giovani sotto i vent’anni! Non proprio un primato di cui andare fieri…