Mike Bongiorno, tradito da Mediaset, va da Fiorello

Mike Bongiorno, tradito da Mediaset, va da Fiorello

Mike Bongiorno fa sapere di non essere più legato a Mediaset dal dicembre 2008 e che quindi può lavorare con chi vuole

    Mike Bongiorno e Silvio Berlusconi ai tempi di Fininvest

    Dopo le polemiche sollevate da Maurizio Costanzo, che ha accusato Mike Bongiorno di tradimento per aver fatto da testimonial a Fiorello su Sky, il popolare conduttore si è tolto qualche sassolino dalla scarpa e ha rivelato che Mediaset non gli ha rinnovato il contratto scaduto lo scorso dicembre. Il vero traditore non è certo lui! E per ora si consola partecipando alla prima (o seconda) puntata del Fiorello Show.

    La notizia ha del clamoroso: Mike Bongiorno, bandiera del gruppo Mediaset, padrino del suo lancio nazionale agli inizi degli anni Ottanta – quando lasciò la Rai per dar man forte all’ambizioso progetto dell’imprenditore Silvio Berlusconi - è senza contratto dal dicembre 2008. E non per sua scelta. Mediaset non gli ha rinnovato il contratto.

    E dire che il povero Mike si era anche dovuto subire gli strali di Maurizio Costanzo che dalla sua rubrica su Tv Sorrisi e Canzoni aveva tuonato: “Sembra che siano saltato i codici della lealtà, dell’onestà e anche dell’amore: Mike Bongiorno, malgrado una longeva frequentazione dei canali Mediaset, pubblicizza Fiorello e sembra impiparsene degli antichi rapporti“.

    Se però ualcuno ha dimenticato gli antichi rapporti questi non è Mike, come spiega bene in una nota diffusa alla stampa.
    “A proposito della mia attività televisiva desidero chiarire quanto segue: da molte parti leggo che ‘Mike Bongiorno ha tradito Silvio Berlusconi’, ma la verità è un’altra.

    Mediaset -spiega il conduttore- prima della fine dell’anno scorso, senza preavviso, non mi ha rinnovato il contratto che mi legava al gruppo fin dalla sua fondazione. Di conseguenza ora non avendo legami sono libero di svolgere il mio lavoro con chiunque“.

    Insomma uno dei pilastri della tv italiana è libero di lavorare con chi vuole. Alle parole di Mike, Mediaset ha fatto immediatamente uscire un comunicato nel quale ‘cerca’ di mettere una pezza a colore, dichiarando che “vincolare” un cavallo di razza come Mike “ad un contratto di esclusiva con un sola azienda” senza un progetto concreto “sarebbe stato controproducente per lo stesso Bongiorno” e facendo intendere di avere in cantiere progetti adeguati alla sua professionalità.
    Ma qualcosa si è rotto: non è difficile immaginare che Sky riesca a convincerlo a dar man forte al suo nuovo progetto di rete ‘generalista’ satellitare, ovvero SkyUno. Per adesso partecipaerà ad una delle prime puntate del Fiorello Show (non si sa ancora se alla prima o alla seconda), al via il 2 aprile. Che Mike sia pronto a lanciare una nuova sfida al mercato televisivo italiano a quasi trent’anni dall’addio alla Rai?

    541

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI