Mike Bongiorno è morto a Monte Carlo

Mike Bongiorno è morto a Monte Carlo

Mike Bongiorno è morto a Montecarlo, all'età di 85 anni

    Mike Bongiorno

    Mike Bongiorno è morto a Monte Carlo all’età di 85 anni. L’annuncio del decesso è stato dato da Sky, qualche minuto fa.

    Secondo le prime indiscrezioni, il popolare presentatore sarebbe stato colpito da un infarto nella sua casa nel Principato di Monaco.
    Il primissimo commento alla notizia data da Sky Tg24 è stato quello del premier Silvio Berlusconi: “Mi dispiace molto, Mike era un grande amico, con lui scompare un grande protagonista della tv italiana“.



    La notizia della scomparsa del pioniere dei quiz nella televisione italiana arriva come un fulmine a ciel sereno proprio alla vigilia del suo debutto su Sky Uno alla conduzione di Riskytutto, il nuovo programma di quiz e intrattenimento remake del suo popolare Rischiatutto che spopolò il giovedì sera dal 1970 al 1974.

    Michael Nicholas Salvatore, questo il vero nome di Bongiorno, era nato a New York il 26 maggio del 1924 da madre torinese e padre italoamericano. Trasferitosi in Italia, a Torino, dove frequentò il liceo classico, si unì alle formazioni partigiane durante la seconda guerra mondiale. Catturato dai nazisti, trascorse sette mesi nel carcere di San Vittore prima di essere deportato nei campo di concentramento di Bolzano poi in quello di Mauthausen. Si salvò grazie a uno scambio di prigionieri fra Germania e Stati Uniti.

    Nel 1946 tornò a New York dove iniziò a lavorare per la radio del quotidiano Il progresso italoamericano nel programma Voci e volti dall’Italia. È il 1953 quando gli viene chiesto di tornare in Italia per lavorare nella neonata televisione italiana: fu lui ad inaugurarla il 3 gennaio del 1954 con il programma Arrivi e Partenze, e fu sempre Mike ad introdurre il telequiz con il mitico Lascia o raddoppia?, ispirato al format americano Una domanda da 64000 dollari.

    Un successo incredibile.
    Poi arrivarono altri programmi famosissimi come Campanile Sera (1960), La fiera dei sogni (1963) e Rischiatutto (1970). Condusse 11 edizioni del Festival di Sanremo, l’ultima nel 1997 con Chiambretti e la Marini.

    Mike, pioniere della tv pubblica ma anche di quella privata contribuendo con i suoi fortunati quiz all’affermazione della tv commerciale di Silvio Berlusconi: per Fininvest/Mediaset condusse tra gli altri Bis (1981) Superflash (1982), Pentathlon (1985), Telemike (1987), Tutti x uno (1992), La ruota della fortuna (dal 1989 al 2003), Bravo Bravissimo (1994), Genius (2001-2005).



    Nel 2007 torna in Rai per condurre Miss Italia insieme a Loretta Goggi.
    Indimenticabili anche i suoi spot con l’amico Fiorello, realizzati per Infostrada.

    In seguito alla rottura del rapporto di fiducia con Mediaset, avvenuta pochi mesi fa, il popolare presentatore aveva deciso di passare a Sky, per cui aveva già girato i promo del suo nuovo Riskytutto.



    La sua ultima apparizione risale alla settimana scorsa quando fu ospite-concorrente della prima puntata di Sei più bravo di un ragazzino di 5^? Vip.
    Con Mike Bongiorno se ne va un pezzo di storia della tv italiana. Il suo “Allegria” ci mancherà molto.

    723

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI