Michele Santoro, per Comizi d’Amore 25 puntate da 250.000 euro

Michele Santoro, per Comizi d’Amore 25 puntate da 250.000 euro
da in Michele Santoro, Servizio Pubblico
Ultimo aggiornamento:

    Michele Santoro alla Versiliana

    Dopo il discorso di circa un’ora tenuto ieri alla Versiliana nel corso della Festa de Il Fatto Quotidiano, Michele Santoro ha illustrato i dettagli di Comizi d’Amore ai colleghi giornalisti accorsi a raccogliere informazioni sul nuovo progetto televisivo del giornalista (e salernitano non l’aggiungiamo perché a lui non piace…). Previste 25 puntate, ma tutto dipende anche dai contributi che verranno raccolti tra i sostenitori, che confluiranno nell’associazione Servizio Pubblico. Ancora non si sa quale sarà il giorno di messa in onda, sebbene si parlasse già del prime time del giovedì, mentre il debutto dovrebbe avvenire a fine ottobre.

    “Ci piacerebbe andare in onda contro Vespa, ma non mi sembra adatto alla prima serata“: scherza (mica tanto) Michele Santoro parlando con i colleghi al termine del lungo discorso tenuto ieri alla Versiliana (qui il video) sulla collocazione del suo nuovo programma, Comizi d’Amore, di cui al momento sono previste 25 puntate e che dovrebbe essere realizzata in uno studio tv romano, anche se – a detta di Santoro – Bologna si candida a ospitare la redazione e l’associazione che Santoro, con i partner Sandro Parenzo (TeleLombardia) e Il Fatto, si apprestano a fondare.

    Servizio Pubblico“, questo il nome scelto per l’associazione no profit che sosterrà il progetto e alla quale ci si può associare con un contributo di 10 euro chiesto al pubblico (cosa che ha scatenato il polemico sberleffo de Il Giornale che oggi titola ‘Santoro esce milionario dalla Rai ma fa la colletta per tornare in tv’). La trasmissione costa: lo stesso Santoro parla di circa 250.000 euro a puntata, ma chiarisce che non graverà solo sui soldi dei ‘contribuenti’ volontari, ma anche su fondi dei partner e sulla pubblicità.
    Nella redazione del nuovo programma tutti i collaboratori storici di Santoro, ad eccezione di Corrado Formigli, passato a La7: Santoro, poi, è pronto a chiamare in causa Sabina Guzzanti, Adriano Celentano, Daniele Luttazzi e altre ‘vittime’ della censura Rai.

    Staremo a vedere.

    371

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Michele SantoroServizio Pubblico