Michele Santoro contro Joe Violanti di Rds

il conduttore di annozero michele santoro per mezzo dei suoi avvocati ha mandato una diffida a joe violanti, conduttore radiofonico di rds che nella trasmissione morning show propone la sua parodia in scherzi telefonici

da , il

    Michele Santoro non sa stare agli scherzi. Si erge normalmente a paladino della satira libera ma non appena è lui ad essere toccato direttamente chiama i suoi avvocati e manda diffide. È quello che ha fatto nei giorni scorsi nei confronti di Joe Violanti di Rds.

    Il motto di Michele Santoro potrebbe essere diffidate dalle mie imitazioni. O meglio ancora, diffido il mio imitatore dal continuare con la sua parodia. Perché così alla fine è andata. Il conduttore di Annozero ha messo in mezzo i suoi legali per risolvere una questione che a quanto pare lo ha molto irritato.

    L’imitatore diffidato è il conduttore radiofonico di Rds Joe Violanti, che durante la trasmissione Morning Show, propone la sua parodia ai radioascoltatori. Vi chiederete cosa avrà mai fatto di così grave Violanti per scatenare la dura reazione di Santoro. Proprio nulla, a nostro giudizio. Più che di satira infatti si tratta del più semplice e antico dei giochi, lo scherzo telefonico. In pratica Joe Violanti, spacciandosi per il permaloso giornalista, si intrattiene in brevi telefonate con politici e altri personaggi che pensano davvero di chiacchierare con Santoro e di ricevere un serio invito nella sua trasmissione. Uno degli ultimi ad esserci cascato è stato il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini che aveva accettato di buon grado di partecipare ad Annozero (in alto il video).

    Insomma uno scherzo innocente, ma non per Santoro. A far ridere infatti in tutta questa storia è proprio la motivazione alla base della sua diffida secondo cui l’imitazione di Violanti con l’invito a partecipare ad Annozero costituirebbe un “intralcio al suo lavoro giornalistico”. Viene da dire “ma quando mai”! Visto che alla fine delle telefonate il radio-imitatore svela sempre che si tratta di uno scherzo! La verità è che a Santoro non piace essere preso in giro da tutti, ma solo da chi lui ritiene all’altezza, come ad esempio Fiorello o Vauro, il vignettista della sua trasmissione che di certo non ci va leggero con la satira.

    Dopo essersi lamentato direttamente con Edoardo Montefusco, patron di Rds, già due settimane fa, adesso Michele si trincera dietro un classico no comment.

    A difenderlo ci pensa l’amico Marco Travaglio che giura che il conduttore non è così permaloso: “Per come lo conosco, Santoro non è davvero un censore, Max Tortora l’ha imitato per anni, nascosto in uno scantinato a invocare Ruotolo ai tempi dell’editto bulgaro. E Michele si divertiva. Non è allergico alla satira. Adora essere preso in giro da Vauro. […] Penso che contattare stabilmente delle persone invitandole per finta ad Annozero – ha aggiunto Travaglio – sia un’azione di disturbo, con tutte le difficoltà che già abbiamo. Un conto è la caricatura di Fiorello, fatta bene, una tantum. Questi (di Rds, ndr) vanno a tappeto, è diverso”.

    Joe Violanti però ovviamente non ci sta, difende il suo operato e lancia una frecciatina a Santoro: “mi pare eccessivo, da quale pulpito poi viene la predica visto che la satira della Guzzanti nella sua trasmissione non mi sembra così tenera”. Ma intanto la ridicola diffida è partita.