Mentana ritira le dimissioni e resta a Tg La7

Enrico Mentana ritira le proprie dimissioni dalla direzione del Tg La7

da , il

    Il polverone scatenatosi in redazione dopo l’annuncio delle sue dimissioni e le attestazioi di stima giunte dai suoi giornalisti hanno spinto Enrico Mentana a fare marcia indietro e restare alla guida del Tg La7. Incassata la fiducia dell’assemblea dei giornalisti, che ha ‘diffidato’ Assostampa romana dall’inoltrare la denuncia penale per comportamento antisindacale ai suoi danni e la conferma da parte del CdR del suo Tg di non aver adito le vie legali, hanno ‘dissipato le ombre’ sulla permanenza di Mentana a TI Media. E così un’oretta fa su Facebook Enrico Mentana ha di fatto ritirato le sue dimissioni dal Tg La7, con grande soddisfazione del CdR. In alto le dichiarazioni del segretario di Asr sul ‘caso’ Mentana e sulle relazioni sindacali tra direttore e redazione.

    Ieri sera alle 22.50 le agenzie hanno diffuso un comunicato con cui l’assemblea dei giornalisti del Tg La7 fa sapere di essere ‘categoricamente contraria alla denuncia nei confronti del direttore Enrico Mentana, annunciata dall’Associazione Stampa Romana, che reputa sbagliata e che non deve essere inoltrata’. Una dissociazione così chiara fa giustizia di ogni ostilità, ed è un segno di considerazione e di affetto che sarebbe folle non raccogliere. Mi sembra doveroso quindi ritirare le dimissioni. Fioccheranno le dietrologie, ma chi se ne frega: anche la maggior parte di voi mi ha consigliato di non lasciare incompiuto il lavoro a La 7. Avanti, quindi, senza più ombre.

    Con questo messaggio sulla sua bacheca Facebook, Enrico Mentana ha di fatto annunciato al mondo di aver ritirato le dimissioni dalla direzione del Tg La7 presentate (non proprio ufficialmente) a TI Media nel primo pomeriggio di ieri.

    Sena dubbio la notizia ha scatenato un violenato polverone, fuori e dentro la redazione del Tg La7: mentre Mentana dichiarava di non essere più disposto a lavorare con persone che avevano proceduto a denunciarlo penalmente per non aver letto un comunicato stampa in cui la FNSI si diceva solidale allo sciopero dei poligrafici (Non leggo quelli di Telecom, perché dovrei leggere quelli della federazione? Dò notizie, non leggo comunicati, aveva detto Mentana spiegando la propria scelta), l’assemblea dei giornalisti si riuniva in seduta straordinaria per rinnovargli la stima, mentre il CdR smentiva di aver già depositato in tribunale una denuncia ai suoi danni.

    Ricevute, quindi, ampie rassicurazioni sulla ‘solidarietà’ dei suoi giornalisti, Mentana ha deciso di tornare sui suoi passi, come aveva fatto intendere già nel suo monologo in apertura dell’edizione delle 20 di ieri. Se ci saranno le condizioni per restare resterò, ha detto ieri in diretta tv. Le condizioni per restare ora ci sono, anche se ci si domanda perché il CdR e i giornalisti del Tg La7 non abbiano provveduto a ‘tranquillizzare’ prima il proprio direttore… Dopo l’annuncio delle dimissioni ritirate, peraltro il CdR ha diffuso una nota stampa nella quale esprime grande soddisfazione per la decisione del direttore e auspica il ripristino di serene relazioni sindacali.

    Che Mentana abbia preso tutti in contropiede con l’annuncio delle dimissioni? Beh, non ci stupirebbe se Mentana avesse deciso di ‘agitare le acque’ per arrivare al superamento di un’antipatica ‘maretta’ in redazione. Chicco di esperienza ne ha da vendere….