Melrose Place, altri tre poster promozionali

In ogni immagine si vede anche il complesso di appartamenti e la piscina, dato che l'idea degli sceneggiatori è quella di far diventare il set una parte integrante dello show; quanto alla frase "Tuesdays are a bitch" è un omaggio/ovvio riferimento alla campagna di lancio di Melrose originale ("Mondays are a bitch")

da , il

    Dopo aver dato scandalo con gli spot ed i poster della seconda stagione di Gossip Girl, la CW ci riprova con la nuova campagna di marketing per il lancio di “Melrose Place” (vedi foto sopra)…riuscirà nell’intento di scandalizzare qualcuno per fare pubblicità gratuità alla serie?

    Fatto il remake di Beverly Hills 90210, la piccola/grande rete americana ci riprova con Melrose Place (qui la locandina della serie) ed un trio di poster molto provocanti con tagline potenzialmente esplosive (ma quant’è carina quell’aria vintage dei tre poster???) “Abbiamo un cast splendido – sottolinea Rick Hasking, capo marketing della CW – quindi abbiamo cercato di catturare la vera essenza dello show, e speriamo che questi poster diano l’idea di Melrose allo stesso modo in cui hanno fatto gli spot ‘OMFG’ per ‘Gossip Girl’“.

    In ogni immagine si vede anche il complesso di appartamenti e la piscina, dato che l’idea degli sceneggiatori è quella di far diventare il set una parte integrante dello show, quasi un personaggio; quanto alla frase “Tuesdays are a bitch“, oltre ad essere l’indicazione del giorno di messa in onda è anche un omaggio/ovvio riferimento alla campagna di lancio di Melrose originale (“Mondays are a bitch”).

    L’anno scorso a destare le ire del PTC, il Moige americano, era stata la campagna per lanciare la seconda parte della prima stagione di Gossip Girl, “una serie – scriveva il Parents Television Council – che ‘glamourizza’ il sesso casuale e l’uso di droghe tra teenager, senza contare che nella serie si sono visti un personaggio (Chuck, Ed Westwick, ndr) che voleva stuprare le teenager, orge tra adolescenti e adolescenti che fanno sesso con adulti

    Non era andata molto meglio a luglio, quando i piccanti manifesti per il lancio della seconda stagione di GG, quando la serie veniva definita “Every Parent’s Nightmare“ (“L’incubo di ogni genitore”) e “Mind-Blowingly Inappropriate” (più o meno “effetti allucinatori inappropriati”, ma “mind blowing” si usa per le droghe); il problema? Le frasi erano riprese da comunicati stampa del Ptc che li aveva usati per ‘combattere’ la serie.

    La nostra missione – aveva spiegato Haskins in risposta alle critiche - è quella di trovare le ‘tagline’ o le citazioni più appropiare che rendano l’idea. Nel caso di Gossip Girl, crediamo che questa campagna non-convenzionale faccia al caso nostro e le quattro che abbiamo scelto catturano l’essenza dello show“.