“Meglio non distrarsi”, la nuova campagna Rai per i minori

"Meglio non distrarsi", la nuova campagna Rai per i minori, dal 10 gennaio uno spot sui canali rai

da , il

    Lo slogan della campagna Rai per i minori

    Il prossimo 10 gennaio la Rai manderà in onda una nuova campagna per responsabilizzare soprattutto gli adulti sul consumo tv da parte dei più piccoli. La campagna, realizzata in collaborazione col Ministero delle Comunicazioni, ha per slogan “Bambini e Televisione: meglio non distrarsi” e si realizzerà prevalentemente con la messa in onda di uno spot di 37”.

    Proprio genitori ed educatori sono il target principale cui si rivolge la campagna, che mira a richiamare la loro attenzione sul rapporto tra i bambini ed i programmi televisivi dai contenuti editoriali più complessi, come tg o appronfondimenti giornalistici, i cui contenuti e le cui immagini, talvolta crude, possono richiedere un livello di maturità non sempre alla portata dei minori. Da qui l’invito agli adulti di accompagnare la visione di tali programmi, già segnalati dalle emittenti tv con loghi e richiami che si rifanno ai colori del semaforo.

    La nuova campagna televisiva dedicata al rapporto tra minori e TV è una diretta applicazione del nuovo Contratto Nazionale di Servizio 2007-2009 voluto dal Ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, e sottoscritto dalla Rai il 5 aprile scorso: in particolare lo spot rientra negli obblighi previsti dall’art.7 che indica la necessità di prevedere campagne di sensibilizzazione rivolte ai genitori sull’uso corretto della Tv.

    Sempre in ottemperanza al Contratto di Servizio viene allargata la fascia oraria espressamente rivolta ai minori, prolungandola di un’ora: inizia, come prima, alle 16.00, ma termina alle 20.00 e non più alle 19.00; si rinnova, inoltre, il divieto a interrompere con la pubblicità i programmi per bambini e i cartoni animati di durata inferiore ai 30 minuti, nonché il divieto di usare i personaggi dei cartoni come “traino” pubblicitario; infine viene introdotto il divieto di passare trailer di film vietati non solo durante la fascia protetta, ma anche nella fascia 7.00-9.00, una delle più frequentate dai bambini.