Mauro Masi denuncia Il Fatto per stalking

Mauro Masi denuncia Il Fatto Quotidiano per diffamazione e stalking

da , il

    mauro masi susanna smit

    Stanco dei continui attacchi de Il Fatto Quotidiano, il direttore generale della Rai Mauro Masi ha dato mandato ad un pool di legali di procedere nei confronti degli autori degli articoli, del Direttore responsabile della testata e della società editrice per diffamazione aggravata e per stalking“: questo si legge in una nota ufficiale della Rai dopo l’uscita, questa mattina, di uno scottante articolo de Il Fatto che rivela i ‘retroscena’ del mancato acquisto di una villa ad Anacapri fortemente desiderata dalla ex compagna di Masi, l’attrice Susanna Smit, la cui ristrutturazione sarebbe stata affidata a Diego Anemone. L’arresto di Anemone e Balducci avrebbe poi fatto saltare l’affare.

    Il Fatto Quotidiano ricostruisce con dovizia di particolari il mancato acquisto di una villa a Capri da parte del dg Rai Mauro Masi e dalle intercettazioni citate dall’autore, Marco Lillo, emerge una certa familiarità tra il dg della Rai Mauro Masi e gli immobiliaristi Diego Anemone e Angelo Balducci, assurti agli onori delle cronache giudiziarie lo scorso anno per una serie di ristrutturazioni e compravendite poco trasparenti su immobili di prestigio che hanno visto coinvolti diversi uomini politici (e non solo). E l’ultimo (in ordine di tempo) affondo all’immagine del ‘pericolante’ direttore generale della Rai ha spinto Masi a rivolgersi alla giustizia e a denunciare Il Fatto per diffamazione e stalking.

    In merito all’ennesimo articolo contenente notizie false e assolutamente tendenziose (peraltro ultimo di una lunga serie facente parte di una campagna denigratoria anche sulla vita privata) apparso questa mattina sul quotidiano Il Fatto a firma Marco Lillo – si legge in una nota Rai – il Direttore Generale Mauro Masi ha dato mandato ad un pool di legali di procedere nei confronti degli autori degli articoli, del Direttore responsabile della testata e della società editrice per diffamazione aggravata e per stalking“.

    Per i dettagli sull’inchiesta de Il Fatto vi rimandiamo all’articolo: al di là delle manovre per l’acquisto della villa, fa specie scoprire – stando a quel che afferma il quotidiano – che il dg Rai era pronto a far approvare una fiction biografica dedicata al venditore dell’immobile, Umberto Mattone, da inserire nel piano fiction del 2010. Che la fiction Rai sia anche merce di scambio per favori (politici e non) ormai non fa (quasi) più notizia, purtroppo.