Maurizio Crozza a diMartedì su La7, copertina: ‘Renzi ha fatto la D’Urso-terapia’

Maurizio Crozza a diMartedì su La7, copertina: ‘Renzi ha fatto la D’Urso-terapia’

La copertina di Maurizio Crozza a diMartedì prende spunto dall'intervista di Matteo Renzi a Domenica Live

    È straordinariamente esilarante la copertina di Maurizio Crozza a diMartedì su La7. Come prevedibile, ampio spazio è dedicato al premier Renzi ed alla sua discussa intervista a Barbara D’Urso a Domenica Live. Ma si parla anche di sindacati con Susanna Camusso in studio, della manifestazione della Lega al cospetto di Matteo Salvini da Strasburgo, di un nostalgico Silvio Berlusconi davanti alla TV e di un sempre più irascibile Beppe Grillo. Tutti questi ingredienti rendono il monologo di Crozza un mix irresistibile.

    All’inizio del suo intervento a diMartedì, Crozza si rivolge direttamente a Giovanni Floris: ‘Perché non sei Barbara? Rifiuta il tuo nome e chiamati D’Urso, dichiara che lo ami e farai anche tu il 19%‘. Presentare la legge di stabilità a Domenica Live ha un che di stravagante ma tutto sommato è comprensibile secondo il comico: ‘Tu lo facevi inca**are, a Canale 5 era rilassato, ha fatto la D’Urso-terapia, era un ca**eggio a bordo piscina‘.Sempre all’interno del contenitore domenicale il presidente del Consiglio ha annunciato il bonus di 80 euro per le neomamme: ‘Lo dico prima di Nino D’angelo così mi votano neomamme e neomelodici, pubblicità, a tra poco con nuove promesse a ca**o’. Nel medesimo programma, però, non si è accennato allo slittamento delle pensioni il 10. Il premier per Crozza una ne fa e cento ne pensa: ‘La sua agenda è un palinsesto, per conoscerla ci vuole TV Sorrisi e Canzoni‘.

    Inevitabilmente dopo la performance trionfale a Domenica Live, Crozza non può che pensare a Berlusconi: ‘Che choc vederlo a Canale 5 con la sua conduttrice e il suo studio che si fotte i suoi elettori‘. Il Cavaliere appare quantomeno scosso: ‘Non sto piangendo, non c’ho mica il magone, Dudù smettila di leccare il televisore sono io il tuo padrone‘. Intanto sabato un militante del Pd deve scegliere se partecipare alla Leopolda o alla manifestazione della CGIL a Roma: ‘Come sabato con gli amici o a far la fila al Catasto‘. Per Crozza è il momento dei grandi raduni, prima al Circo massimo e poi circo e basta con la Lega a Milano.

    Beppe Grillo non fa che perdere pezzi spiegando il perché dell’espulsione dei quattro che avevano usato una parola non di suo gradimento: ‘Quelli se la sono cercata chiedendo di sapere l’organigramma del partito, ma son ragazzi meravigliosi, siamo nel 2014 usi ancora l’organigramma, si chiama organigrillo, comando io’. Stessa salacia viene usata per parlare della Lega: ‘Mentre il paese è innamorato di uno con la camicia bianca, Salvini ama la camicia nera Si è passati da aiutiamoli a casa loro a facciamoci aiutare da Casa Pound’. Piazza Duomo a Milano sembrava una foto di Oliviero Toscani con tanto di cartelli dagli slogan singolari come ‘Se prendo l’Ebola contagio Napolitano’:Cosa gli vuoi dire a uno così? Prenditi l’Ebola e poi vediamo‘.

    534

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI