Maurizio Casagrande al GFF: “La tv ha fatto solo danni”

Maurizio Casagrande ospite del Giffoni Film Festival critica i cinepanettoni e attacca la tv

da , il

    Una donna per la vita cast

    La tv ha fatto danni gravissimi: ci si dimentica che, per parlare, bisogna avere qualcosa di interessante da dire, ma qualcuno la bocca non dovrebbe aprirla proprio“: è drastico Maurizio Casagrande nell’esprimere i suoi giudizi sulla tv di oggi ai giurati del Giffoni Film Festival, cui ha partecipato questo pomeriggio. “Dobbiamo smetterla di trasformare dei personaggi insignificanti in miti” dice l’attore napoletano: che ce l’abbia anche con i tamarri di Tamarreide?

    Maurizio Casagrande è giunto al Giffoni Film Festival nelle vesti di attore e di testimonial di Amnesty International e soprattutto in qualità di regista: è all’ultima settimana di riprese del suo primo film dietro la macchina da presa, La Donna della Mia Vita, che lo vede tra i protagonisti insieme a Neri Marcoré, Sabrina Impacciatore e Margareth Madè, con l’amico Salemme impegnato in un cameo.

    Di certo molta della sua popolarità nasce dai cinepanettoni: “Non mi piacciono molto – ammette Casagrande – non sono molto belli, ma se ti chiamano che fai, non accetti? In ogni caso si potrebbero fare molto meglio”. Non manca una battuta sull’emergenza rifiuti a Napoli: “Noi napoletani abbiamo le nostre colpe, abbiamo permesso che la situazione arrivasse a questo punto. E’ arrivato il momento di assumerci le nostre responsabilità“.