Matt Smith: “Non lascio Doctor Who, è un lavoro duro ma lo amo”

Matt Smith: “Non lascio Doctor Who, è un lavoro duro ma lo amo”

Niente addio a Doctor Who da parte di Matt Smith: l'attore corregge le sue precedenti dichiarazioni in merito ad una sua uscita dallo show

    matt_smith_1608573c

    Niente addio a Doctor Who da parte di Matt Smith, se c’era qualcuno che sperava che per il cinquantenario del Dottore ci sarebbe stata una nuova incarnazione, il giovane interprete ha fatto retromarcia rispetto a quanto dichiarato qualche giorno fa al canale americano VH1, quando sembrava che Smith avrebbe lasciato la serie scifi britannica per seguire una carriera negli States.

    Per Doctor Who lavoriamo tante ore al giorno, tutti i giorni per nove mesi: il programma giornaliero è piuttosto brutale, ma non mi lamenterei mai, amo recitare in questo ruolo, e non me ne andrò tanto presto”. Se dopo aver letto il nostro articolo di qualche giorno fa relativo all’eventuale partenza di Matt Smith da Doctor Who, è lo stesso attore a smentire quanto sembrava trapelare dalle sue parole.

    Ricordiamo che nei giorni scorsi, al canale americano VH1, interpellato sul quando gli americani avrebbero potuto vederlo al lavoro a casa loro, Smith aveva risposto “Ho ancora un altro anno di contratto con Doctor Who, ma sicuramente verrò in America e proverò a dare una possibilità a Los Angeles…persone come Andy Garfield sono venute, e lui è un mio amico.

    Sono veramente orgoglioso di vedergli fare Spider Man“, dichiarazioni che avevano fatto il paio con quelle rilasciate qualche settimana prima, “quando finirò con Doctor Who – aveva detto Smith avrò… beh, chi lo sa quanti anni avrò, forse 29”.

    La marcia indietro è avvenuta durante un’intervista per presentare i dvd della sesta stagione di Doctor Who, quando l’attore – oltre a dire che non se ne andrà tanto presto – ha aggiunto di sentirsi fortunato: “In questo momento difficile per gli attori – ha concluso Smith – non direi mai ‘Sto lavorando troppo’, ma anzi, ‘Se avete progetti, portatemeli’”.

    351