Matrix, questa sera debutta Alessio Vinci

Matrix, questa sera debutta Alessio Vinci

Debutta questa sera alla guida di Matrix il giornalista della Cnn Alessio Vinci: il programma andrà in onda tre volte alla settimana, il martedì, il mercoledì e il venerdì, alle 23

    Questa sera alle 23.30 su Canale 5 debutta alla guida di Matrix Alessio Vinci, preso in prestito da Cnn International. Un compito certo non facile per il giornalista, per la prima volta alle prese con una trasmissione popolare, legata ai temi nazionali e per di più ereditata da una ‘colonna’ del giornalismo tv italiano, Enrico Mentana. Nel video in alto Vinci si presenta ai telespettatori italiani.

    La prima difficoltà che dovrà afforntare, a detta sua, sarà la lingua: figlio di italiani, nato in Lussemburgo, Vinci, da venti anni nella squadra di Cnn International, è ormai talmente abituato all’inglese da sentire qualche difficoltà con la lingua madre. Ma di fatto si trova in una situaizone a lui inedita, come dice all’Ansa: “Per la prima volta passo dalla strada allo studio e dal ruolo di solista a quello di direttore d’orchestra, in più va considerato l’approccio ai temi che, ovviamente, deve essere vicino al sentire nazionale“.

    Beh avere come ‘moderatore’ un giornalista abituato a guardare i fatti italiani con sguardo distaccato e super parte non è cosa da poco, a dire il vero. Potrebbe essere questa la vera novità del Matrix del dopo-Mentana, se si avrà il coraggio di perseguire questa linea. L’intenzione di aprirsi alla politica internazionale c’è, ma con molta calma. Vinci, infatti, è molto attento e intenzionato a non rivoluzionare la struttura del programma: “Non ci saranno grandissime novità – dice Vinci – anche perché non si può sconvolgere un programma che andava benissimo. Ci saranno più servizi e un maggiore coinvolgimento della redazione. I temi saranno, come di consueto, quelli legali alla politica e alla cronaca con una serata di alleggerimento.

    Ma naturalmente seguiremo la notizia, pronti sempre a cambiare tutto“.

    Bisogna prendere le misure con la redazione, capire come bilanciare la sua presenza con la natura del programma e in fin dei conti per ora il suo contratto si ferma a giugno: per trasformare il progetto voluto da Mentana c’è bisogno di ‘condivisione’, sia da parte della squadra di lavoro che da parte del pubblico. Per quanto riguarda la squadra di lavoro, tre giornlaisti dell’era Mentana sono andati via e rapidamente rimpiazzati, ma nel complesso il nuovo conduttore dice di aver trovato “un’atmosfera serena e i colleghi si sono mostrati collaborativi e disponibili. Rispetto la scelta di chi ha preferito andar via. Con loro ho parlato a lungo e mi hanno spiegato che non è una cosa personale nei miei confronti. Comunque la stragrande maggioranza della redazione è con me“.
    L’obiettivo di Vinci, al momento, è quello di riuscire a dare al lavoro di Mentana una “diversa impronta“, come da lui stesso dichiarato.

    Per quanto riguarda gli ascolti e la ‘sfida’ con il Porta a Porta di Bruno Vespa, Vinci si dimostra sereno: “Lavorando alla Cnn non mi sono mai preoccupato dell’audience, ma Mediaset non mi ha messo alcuna pressione e quindi il problema non si pone. Per quanto riguarda Vespa, lui è una corazzata, io sono una fregata” ha detto con modestia e diplomazia Vinci

    La sua impostazione angolasassone si sente, così come la provenienza dal canale all-news più famoso e potente del mondo: “Quando ho chiesto ai colleghi se avessero tutti il blackberry per poter comunicare via mail ed essere sempre informati delle decisioni man mano che vengono prese mi hanno guardato come se avessi loro chiesto se avessero una Roll-Royce…”.
    Beh, Alessio, anche questa è la tv generalista italiana, un po’ di pazienza. Gli facciamo gli in bocca al lupo: siamo curiosi di vederlo all’opera ogni martedì, mercoledì e venerdì su Canale 5.

    661

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI