Massimo Giletti a La7: ‘L’Arena ci sarà. Mario Orfeo? Pensavo fosse un amico’

Massimo Giletti ha ufficialmente lasciato la Rai per approdare a La7. Il conduttore annuncia il passaggio sulle reti di Urbano Cairo e spiega che L'Arena proseguirà. Dopo la decisione di Mario Orfeo di chiudere il programma di approfondimento della domenica pomeriggio, Giletti ha fatto 'una scelta di libertà' e ha deciso, così, di non 'abdicare alla dignità'.

da , il

    Massimo Giletti a La7: ‘L’Arena ci sarà. Mario Orfeo? Pensavo fosse un amico’

    E’ ufficiale: Massimo Giletti è passato a La7 insieme a L’Arena, la trasmissione che negli scorsi anni ha accolto i consensi del pubblico della domenica pomeriggio di Rai 1 e che, adesso, trasloca insieme al conduttore sulle reti di Urbano Cairo. Dopo settimane di rumors e indiscrezioni che davano Giletti in partenza dalla Rai e le ultime dichiarazioni del direttore generale Mario Orfeo sul rifiuto dell’offerta di lavoro da parte dello storico volto di Rai 1, è proprio il creatore de L’Arena a confermare l’addio a Viale Mazzini.

    ‘E’ stato inevitabile uscire dalla Rai’ – ha dichiarato Massimo Giletti annunciando il passaggio a La7 insieme al talk show di approfondimento L’Arena che ‘qualcuno sperava che non andasse più in onda’. A dare la notizia ufficiale del suo saluto alla tv di Stato è proprio il conduttore in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera dove racconta i momenti principali delle trattative con Urbano Cairo, smentisce i rumors sui veti che Barbara D’Urso avrebbe imposto riguardo un suo eventuale passaggio a Mediaset e spiega come mai i vertici Rai – nella persona di Mario Orfeo – abbiano deciso di chiudere L’Arena nonostante i ‘quattro milioni di telespettatori’ che seguivano assiduamente ogni domenica la trasmissione.

    Leggi anche: L’Arena chiude, Massimo Giletti lascia la Rai? Il conduttore verso La7 o Mediaset

    La7, il passaggio di Massimo Giletti è una ‘scelta di libertà’

    La7 ufficializza l’accordo biennale con Massimo Giletti

    Amareggiato per l’addio alla Rai e polemico con i vertici che ‘pesano’ alcuni spot in modo diverso da altri, Massimo Giletti ha spiegato la scelta del passaggio a La7 e non a Mediaset.

    Posto che il rifiuto nei confronti di Pier Silvio Berlusconi non è arrivato per un ‘veto di Barbara D’Urso sulla domenica pomeriggio’ perché ‘crederlo sarebbe irrispettoso nei confronti di un network come Mediaset’, il conduttore spiega di aver visto nelle reti di Urbano Cairo il canale attraverso cui dare continuità a L’Arena.

    ‘L’Arena è la mia creatura professionale, l’ho fatta nascere, l’ho modellata. Ho scelto La7 perché ho capito che era lì la strada per dare continuità a questa esperienza’ – ha continuato Giletti, proseguendo con l’ultimo affondo nei confronti della Rai – ‘La mia è una scelta di libertà […] Per me chiudere L’Arena sarebbe stato abdicare alla dignità. Fare altri programmi voleva dire comprare il mio silenzio. Con grande dolore, non ho potuto accettarlo’.

    Massimo Giletti lascia la Rai: ‘Chiudere L’Arena sarebbe stato abdicare alla dignità’

    Il motivo principale per cui Massimo Giletti ha deciso di lasciare la Rai deriva dalla decisione dei vertici di Viale Mazzini di chiudere L’Arena.

    Già nel giorno della presentazione dei palinsesti Rai, il talk show di approfondimento non era stato menzionato tra i programmi fissi di Rai 1 e questo aveva suscitato non poche polemiche e domande.

    Leggi anche: Palinsesto Rai 1 autunno 2017: la nuova programmazione

    ‘Evidentemente il direttore generale, che ha la piena libertà di scegliere la propria linea editoriale, ha ritenuto che il successo di un programma seguito da quattro milioni di spettatori, con oltre il 22% di share dalle 14 alle 15, non bastasse per essere riconfermato’ – ha spiegato Giletti, concludendo che ‘L’Arena è un programma scomodo’.

    Nell’intervista al Corriere, inoltre, il conduttore appena approdato a La7, spiega come mai non abbia risposto all’offerta dell’azienda: ‘Avevo un accordo con l’ex direttore generale Antonio Campo Dall’Orto e col direttore di RaiUno Andrea Fabiano di continuare L’Arena più alcune prime serate importanti del sabato su RaiUno dove in passato abbiamo realizzato grandi successi’.

    Leggi anche: Rai, il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto si è dimesso

    Poi ci sono state le dimissioni di Campo Dall’Orto e la nomina di Orfeo, che ha deciso di chiudere L’Arena perché ‘la gente, la domenica pomeriggio, deve rimanere tranquilla’.

    Leggi anche: RAI, Mario Orfeo nuovo direttore generale: la nomina del Consiglio di Amministrazione

    ‘Non addosso colpe a Mario Orfeo: pensavo fosse un amico ma evidentemente ci sono ruoli e situazioni che cambiano gli uomini, li inaridiscono’ – ha spiegato Massimo Giletti.