Mario: una serie di Maccio Capatonda, su Mtv il nuovo show che prende in giro i TG

Mario - Una serie di Maccio Capatonda da 28 febbraio su Mtv

da , il

    Mario - Una serie di Maccio Capatonda che prende in giro il giornalismo di assalto

    Maccio Capatonda porta il suo umorismo surreale su Mtv: parte questa sera alle 22:50 Mario, una serie in cui il comico abruzzese interpreta un giornalista. Nel cast anche tutti gli altri personaggi lanciati dai suoi trailer: Rupert Sciamenna, Ivo Avido, Herbert Ballerina, Anna Pannocchia e Katherine J. Junior. Il programma vuole prendere in giro i telegiornali e i giornalisti di assalto che popolano le nostre TV. La serie è stata lanciata da una serie di finti spot su Mtv che hanno destato la curiosità dei telespettatori della rete. Un appuntamento imperdibile per tutti i fan di Bruce Lagodigarda.

    Mario è la prima serie Tv di Maccio Capatonda, un personaggio amatissimo dal popolo del Web e lanciato anni fa dalla Gialappa’s Band grazie ai suoi finti trailer. Maccio era riapparso durante Ma anche no, il programma domenicale di Antonello Piroso su La7 dove aveva lanciato un personaggio a cui Mario si ispira: l’inviato Neri Pupazzo. La serie TV di Marcello Macchia, questo il vero nome di Capatonda, ruota intorno a Mario un reporter abbandonato quando era piccolo davanti alla sede della televisione per cui lavora, la MGT. Qui conduce il telegiornale, ma la sua vita cambia quando l’emittente viene comprata dalla Micidial Corporation e Mario si ritrova a dover fare i conti con le rigide regole del marketing dei nuovi proprietari e la carriera di giornalista. Come se non bastasse, il perfido Lord Micidial ha inserito nel suo contratto ‘una clausola in diagonale‘: Mario potrà lasciare il suo posto di lavoro solo dopo aver insegnato la professione al figlio dell’amministratore delegato (G)Inetto.

    Per i numerosi fan di Maccio Capatonda, Mario è un appuntamento imperdibile. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Macchia ha spiegato quale sia la sua fonte di ispirazione per la serie TV Mario: ‘Il linguaggio giornalistico di trasmissioni come quella di Salvo Sottile dove si cerca sempre di spettacolarizzare la tragedia. In fondo però non voglio prendere in giro il mondo del giornalismo: mi serve per raccontare alcuni aspetti della nostra società‘. In diciotto puntate, Maccio Capatonda racconterà al pubblico di Mtv le vicende umane dei suoi assurdi personaggi, come la truccatrice del tg dove lavora Mario, Jenny, convinta di essere incinta del calvo anchorman anche se tutti gli esami hanno dato esito negativo. Capatonda/Macchia torna così alla TV, dopo aver spopolato sul Web e in radio grazie allo Zoo di 105. A produrre la serie TV, un altro dei programmi su cui punta il palinsesto di Mtv nel 2013, la Shortcut Production fondata dallo stesso Macchia.

    Oltre che dai trailer, Mario – la serie Tv di Maccio Capatonda è stata lanciata anche da alcuni spot virali. Uno era dedicato a una fantomatica M Corporation, e solo dopo aver visto i trailer della serie si è scoperto che dietro quella pubblicità si nascondeva la Micidial, che da anni opera ‘al di là del bene e del male‘. Sul Web, in molti hanno notato la somiglianza fra lo spot della Micidial e quello della Umbrella, la corporation protagonista di Resident Evil. Il genio di Maccio Capatonda va però oltre e della Micidial esiste anche un sito Web.