Maria Nazionale a Sanremo 2013: scheda e testi delle canzoni

Maria Nazionale a Sanremo 2013: scheda e testi delle canzoni

Inclusa tra i 14 big di Sanremo 2013 Maria Nazionale presenterà i due brani 'Quando non parlo' ed 'E' colpa mia'

    Il sound partenopeo approda al Festival di Sanremo 2013 con Maria Nazionale, tra i 14 big in gara. Stella del genere neomelodico, la cantante di Torre Annunziata festeggia proprio nel 2013 i vent’anni di attività musicale indissolubilmente legate a dialetto e tematiche prettamente napoletane. A soli 42 anni Maria Nazionale ha all’attivo 13 dischi, la collaborazione ad una colonna sonora per il cinema (Tatanka, 2009) ed un ruolo nel film Gomorra, tratto dall’omonimo libro di Roberto Saviano e diretto da Matteo Garrone. Quest’ultima fatica le è valsa la nomination al David di Donatello 2009 come miglior attrice non protagonista e notevole visibilità nazionale. L’artista napoletana ha già partecipato al Festival di Sanremo nel 2010 esibendosi al fianco di Nino D’Angelo in Jammo Jà: seppur eliminata nella prima sera, la cantante ha messo in luce con successo le proprie qualità interpretative e vocali.

    Famosissima a Napoli, Maria Nazionale ha spesso partecipato ai programmi dell’emittente locale Tele Norba senza rinunciare a ospitate nelle Tv nazionali (Maurizio Costanzo Show, Furore, La vita in diretta, Viva Napoli, In famiglia). La sua inclusione tra i Big del Sanremo targato Fazio è stata salutata con entusiasmo da molti estimatori del genere neomelodico evidentemente conquistati anche dalla metamorfosi degli ultimi anni culminata con la recente collaborazione con Francesco De Gregori. Voce fuori dal coro è stata quella del senatore leghista Giovanni Torri che in un’intervista al programma radiofonico Klaus Condicio ha dichiarato: ‘Senza che io venga tacciato banalmente di razzismo, onestamente non so che tema sociale possano aver portato a Sanremo Maria Nazionale o i giovani del gruppo emergente Marta sui Tubi. Presumo che il meccanismo sanremese sarà come sempre assolutamente spietato. Vedremo come si piazzeranno. Non so se Maria Nazionale canterà in italiano o in napoletano. Nel secondo caso speriamo che mettano i sottotitoli… I selezionatori di Sanremo hanno sempre questa sorta di pietas nei confronti del Sud.

    Magari perché i meridionali guardano la televisione un po’ di più dei nordici‘.

    Una critica presumibilmente pretestuosa verso la cantante che sulle pagine del Mattino si è detta orgogliosa anche della lunga gavetta: ‘Non rinnego nulla della mia carriera, gli esordi difficili, il successo con un disco come Storie e’ femmene, il pubblico delle cerimonie nuziali e delle feste di piazza, la grande opportunità che mi ha dato Matteo Garrone chiamandomi per Gomorra, la fiducia in me che ha mostrato un mito come Francesco De Gregori volendomi in tour con lui e Ambrogio Sparagna… Senza tutto questo non sarei in pista per il Festival, non avrei avuto dalla mia parte due splendidi brani uno firmato da Enzo Gragnaniello e l’altro dalla premiata coppia Peppe Servillo e Fausto Mesolella, insomma gli Avion Travel‘.

    Quando non parlo ed E’ colpa mia, scritti rispettivamente da Enzo Gragnaniello e da Peppe Servillo e Fausto Mesolella degli Avion Travel, contribuiscono in qualche modo alla doppia vocazione di Maria Nazionale che canterà nel primo caso in italiano e nel secondo interamente in dialetto.



    Quando non parlo

    di E. Gragnaniello

    Quando non parlo e mi sto zitta
    Sono felice perchè avverto la presenza delle note
    E della loro, inesauribile bellezza.
    Quando non sento tocco il vento
    E la sua musica non mente
    E poi mi fa sentire mi fa sentire il senso
    E la sua forza è, è una tempesta d’armonia.
    E poi, e poi non ci separeremo mai
    Mentre il mondo galleggia nella bugia
    C’è un bisogno infinito di poesia,
    e poi…
    Quando la notte lascio il letto
    Guardo le stelle e mi rifletto
    Coma fa la luna in mare
    E il mio cuore lo sta facendo con il tuo amore…
    E poi e poi non ci separeremo mai
    Mentre il mondo galleggia nella bugia
    C’è un bisogno infinito di poesia,
    e poi…
    Dimenticando ogni rumore
    Sento più forte il tuo respiro
    E all’unisono con il tuo
    Niente va perso nell’incredibile universo.



    E’ colpa mia

    di G. Servillo – F. Mesolella

    Si te vene nu dubbio, se po’ tu t’arraggie, non ti senti sicura
    E accummencia ‘a paura, si certa ‘e sapè che è stata accussì
    E’ colpa mia, è colpa mia, è colpa mia… è colpa mia
    E mi metti alla prova pe’ vede’ si te penzo e te voglio cchiù bene
    E da ieri sera stai facenno domande po’ sapè si te stanche
    Ancora insieme, ancora, ancora insieme… ammore mio
    E mo chell’ che è stat’ è sta’
    E mo nun me fa cchiù stu terzo grado
    ‘O tiempo corre annanz a mme
    Nun resta tiempo pe’ sapè
    Sì è colpa mia
    Se ti vengo a bussare, dal cortile a chiamare e quaccuno s’affaccia
    Nun risponne e mi caccie, sei sicura che è stato un amore sbagliato
    E’ colpa mia, è colpa mia, è colpa mia… è colpa mia
    ‘E cagnato ‘o vestito ede il gesto ha tradito quella tua frenesia
    Di cambiare la via e te stongo aspettanno pe sapè si te stanche
    Ancora insieme, ancora, ancora insieme… ammore mio
    E mo chell’ che è stat’ è sta’
    E mo nun fa vedè ca pienz a nato
    ‘O tiempo corre annanz a mme
    Nun resta tiempo pe’ sapè
    Sì è colpa mia
    ‘O tiempo corre annanz a mme
    Nun resta tiempo pe’ sapè
    Sì è colpa mia

    1003

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2013