Maria De Filippi: “Amici è una scuola seria che sforna talenti”. E si pensa all’ottava edizione

Maria De Filippi: “Amici è una scuola seria che sforna talenti”. E si pensa all’ottava edizione

Terminato Amici 7, Maria De Filippi rivendica la qualità della propria scuola, che sforna talenti da Musical

    Amici, Marco Carta con il trofeo e alcuni compagni della squadra Blu (da Il Giornale)

    Terminata con immensa soddisfazione la settima edizione di Amici, Maria De Filippi si toglie qualche sassolino dalla scarpa e fa le prime indiscrezioni sulla prossima edizione, per la quale tra poco si apriranno i casting.

    Gli ascolti della finalissima di mercoledì non hanno certo tradito le aspettative: con 7.187.000 e il 35,38% di share non solo ha doppiato il match Inter-Lazio su Raiuno, ma ha migliorato di un milione gli ascolti della finale 2007, che raccolse 6.684.000 spettatori (pur registrando uno share più alto, 37,94%, dovuto però a quasi un’ora di trasmissione in più). Il picco della serata finale si è avuto praticamente in apertura, intorno alle 21.40 quando a seguire le gesta dei primi due sfidanti (Pasqualino e Francesco) si sono ritrovati 9 milioni e mezzo di spettatori: un dato da Mondiali di calcio. Impressionanti anche i dati del televoto, anche se leggermente inferiori a quelli dell’anno scorso (anche qui un’ora di trasmissione in meno si fa sentire): oltre due milioni quelli arrivati durante la finale (contro i due milioni e mezzo della finale 2007) di cui il 59% a favore di Marco Carta, il vincitore della settima edizione di Amici.

    Spenti i riflettori del megastudio di Cinecittà, Maria De Filippi si è concessa un piccolo sfogo, giusto per ribadire la qualità del suo programma e il ruolo anche culturale che sta ricoprendo presso i giovanissimi, tornati – per amore del reality – alla lettura, all’acquisto dei cd e al teatro. “Amici - ha detto Maria – è l’unica trasmissione che ha dato spazio ai giovani, che ora lavorano in musical e realtà tutt’altro che prodotte solo da me: basti pensare ai sette ragazzi presi da Cocciante per Romeo e Giulietta o a quelli che lavoreranno ad Hair con la direzione musicale di Elisa. Siamo una cosa seria, un serbatoio di talenti che lavorano anche dopo essere passati di qui, ha creato lavoro e avvicinato un nuovo pubblico al teatro. Una cosa impensabile solo qualche anno fa”. Non manca di ritornare sulla polemica avanzata da Baudo durante il Festival di Sanremo (di cui potete rileggere qui): “Non sono d’accordo con quanto disse Baudo a Sanremo. Ricordo le sue parole, Da Amici non è uscito nulla. Vada a teatro a vedere A un passo dal sogno con alcuni dei ragazzi della passata stagione e conti i biglietti staccati. Poi ne riparliamo”.

    Rivendica con orgoglio i dati di vendita della produzione multimediale legata alla trasmissione, ricordando che il nuovo libro di Chicco Sfondrini e Luca Zanforlin, Fra Il Cuore e Le Stelle, ha venduto 170.000 copie, che il nuovo cd di Amici, Ti Brucia, è primo nella classifica delle compilation, che i musical a teatro – da A un Passo dal Sogno a Io Ballo - fanno il tutto esaurito. Al di là degli introiti e del successo di pubblico, Maria De Filippi evidenzia il ruolo culturale che tale successo comporta perché “se si entra a comprare il libro o il cd di Amici, magari si guarda anche lo scaffale accanto”, così come, provata l’emozione di uno spettacolo dal vivo a teatro, i ragazzi possono scegliere di diventarne assidui frequentatori.

    Su questo non possiamo non essere d’accordo con lei: il successo della trasmissione si riverbera anche sull’industria “culturale”, un po’ come avveniva – e continua ad avvenire – con i grandi sceneggiati della Rai che spingevano in alto le vendite dei grandi classici letterari dai cui venivano tratti.

    Adesso si pensa già alla prossima edizione: tra poco partiranno i casting per l’ottava edizione in programma per l’autunno e non appena si conosceranno i dettagli ve ne daremo notizia. Tra le novità del prossimo anno il possibile spostamento del pomeridiano settimanale dal sabato alla domenica pomeriggio, durante Buona Domenica. Data la nostra personale idiosincrasia con il contenitore domenicale, speriamo che Canale 5 ci ripensi, ma è ancora presto per protestare. Intanto Maria conferma di non avere intenzione di condurre Buona Domenica, mentre rinnova l’appuntamento autunnale con C’è Posta Per Te, sempre al sabato per nove settimane. Sull’ipotesi di scontrarsi con Raffaella Carrà alla guida di una nuova edizione di Carramba che Fortuna! nel sabato di RaiUno, Maria dichiara che “sarà un grande onore sfidare Raffaella e se mi batterà non ci rimarrò male”.
    Ma i piani della De Filippi per il futuro sono straordinariamente ricchi di appuntamenti: in cantiere uno show in due puntate con Gianni Morandi, Giorgio Panariello e Sabrina Ferilli (amica e coproduttrice di Io ballo) nonché la supervisione di una fiction ispirata alla trasmissione e curata dalla Taodue di Pietro Valsecchi. Insomma, la Signora della Tv non conosce sosta.

    Chiudiamo ricordandovi l’appuntamento di questo pomeriggio (14.45, Canale 5) con la seconda parte della sintesi della finalissima di mercoledì e i festeggiamenti in onore del vincitore, mentre domani andrà in onda, a partire dalle 14.10, uno speciale in diretta da Piazza del Popolo a Roma.

    1207