Marco Liorni lascia il Grande Fratello, e forse Mediaset

Marco Liorni lascia il Grande Fratello, e forse Mediaset

Marco Liorni lascia il Grande Fratello e forse Mediaset

    Marco Liorni nel confessionale della Discarica nel GF7

    Marco Liorni si è stancato di stare dietro la porta della casa del Grande Fratello e alla vigilia dell’ottava edizione, in partenza a gennaio, dice basta. “Dopo sette anni mi aspettavo di più” e si toglie qualche sassolino dalla scarpa.

    In effetti dopo sette anni investiti nel ruolo di Caronte, del traghettatore delle anime perse, che accompagnava illustri sconosciuti dagli “inferi” della quotidianità ai “riflettori” della casa più desiderata della tv, Marco Liorni ha anche il diritto di sentirsi “sprecato“, come lui stesso dichiara. Si aspettava una promozione a conduttore del Grande Fratello, proposta arrivata e poi svanita anche quest’anno (dopo i vari tira e molla di Alessia Marcuzzi), così come accadde quando, dopo le prime due edizioni, andò via Daria Bignardi. Poi, però, come racconta lo stesso Liorni “la scelta cadde su Barbara D’Urso. Si sa, una donna ‘tira’ di più“.
    Ce n’è abbastanza per dire addio al reality e a Mediaset che “forse si è dimenticata che faccio il conduttore“.

    Beh, non che lui abbia fatto molto per ricordarlo: non è proprio una conduzione vivace la sua, si potrebbe dire che tende a sedersi un po’ troppo sulla scaletta, ma è anche vero che non gli sono mai state date grandi chanches per rifarsi, forse proprio a causa di uno stile non del tutto adatto ai tanti programmi del Biscione. Non a caso gli sono stati affidati per lo più ruoli da inviato (ad esempio per Verissimo) o programmi sui “buoni sentimenti” (da Eroi per caso ad Angeli - in cui si raccontavano storie di salvataggi miracolosi ed eroici – per arrivare a Medici, in cui trovavano spazio storie di buona sanità viste dalla parte dei pazienti). Gli unici reality concessigli furono Il protagonista, per sole tre puntate, e Diario-Esperimento d’Amore.

    Adesso Liorni guarda alla Rai: “Ci sono molti programmi adatti a me. Mi hanno proposto Ballando con le stelle. Non ho accettato, ho bisogno di fare una conduzione“.

    Si apre ora il toto-sostituto: chi raccoglierà il testimone di Marco? Potrebbe essere un ex concorrente, magari Milo, finora ospite solo a Buona Domenica, o anche l’ormai lanciatissimo Ascanio Pacelli, inviato del Treno dei Desideri. Ma dopo sette anni si potrebbe pensare anche ad un’inviata, per una conduzione tutta al femminile. Melita? Vedremo cosa succederà.

    623

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE