Mara Venier fatta fuori dal Capodanno di Rai Uno: che amarezza

Mara Venier fatta fuori dal Capodanno di Rai Uno: che amarezza

Mara Venier si dice amareggiata per essere stata cancellata dal capodanno di Rai uno a favore di Carlo Conti

    mara venier capodanno

    Giusto ieri vi abbiamo riportato la notizia ufficiale che sarà nuovamente Carlo Conti con il suo programma L’anno che verrà a traghettare il pubblico di Rai Uno verso il 2012, ed ecco che oggi arrivano le prime dichiarazioni dell’esclusa eccellente, Mara Venier, che avrebbe dovuto condurre La notte del capodanno con Pino Insegno: Mi hanno fatto fuori, sono spariti tutti.

    È una Mara Venier amareggiata quella che, ai microfoni dell’Alfonso Signorini Show in onda su Radio Monte Carlo, spiega che il suo programma La notte del capodanno non andrà più in onda per fare spazio nuovamente a L’anno che Verrà, la trasmissione della notte di San Silvestro che Carlo Conti ha condotto su Rai Uno da Rimini dal 2003 al 2008 e che invece quest’anno sarà trasmessa in diretta da Courmayeur.

    Mi hanno fatto fuori, sono spariti tutti. Mi ha chiamato ieri Ballandi dicendomi che non lo facciamo più. Questo è un vero giallo, lo farà Carlo Conti. Siamo tutti rimasti molto male, ha ammesso molto sinceramente la conduttrice de La Vita In Diretta.

    La Venier ha poi aggiunto anche dei dettagli che ci lasciano un po’ perplessi e cioè che Pino Insegno aveva già rinunciato ad alcune serate e che lei aveva già i vestiti pronti fatti da Richmond, che ora dovrò pagare perché non li uso più.

    I commenti più cattivi li lasciamo a voi…

    Nel corso dell’intervista radiofonica con Alfonso Signorini non potevano mancare argomenti più leggeri come lifting e ritocchini: Meglio sesso che botox! Io inorridisco, quando vedo le mie amiche irriconoscibili, con le bocche storte, con le facce tiratissime. Il problema però è trovare chi fa del buon sesso perché ormai è più facile trovare un medico che ti fa le punturine e il botox, che praticare una bella ora di buon sesso.

    Suvvia, forse lo scippo di Capodanno non l’ha preso poi così male…

    378