Mara Maionchi punta sul suo pupillo Tony Maiello

Mara Maionchi punta sul suo pupillo Tony Maiello

in una recente intervista rilasciata al tgcom mara maionchi, giudice di x factor, ha dichiarato di aver puntato su Tony Maiello, concorrente della prima edizione del talent show di rai due, con la sua casa discografica

    Tony Maiello

    Non ci sono mai stati dubbi sul fatto che Tony Maiello, concorrente della prima edizione di X Factor, fosse il pupillo di Mara Maionchi. Adesso ad ammetterlo, sia con le parole che con i fatti, è la stessa simpatica giudice del talent show di Rai Due già avviato verso la terza edizione del programma ma senza Simona Ventura.

    Così come Morgan e Francesco Facchinetti anche Mara Maionchi, come vi abbiamo riportato nei giorni scorsi, si è detta molto dispiaciuta per la decisione di Simona Ventura di non prendere parte alla terza edizione di X Factor. “Non sarà affatto facile sostituirla – ha commentato con l’Adnkronos – ma i responsabili della trasmissione sono molto bravi. Avranno il loro coniglio nel cappello…”.

    In questo momento però la Maionchi ha anche altro per la testa che ha a che fare con il suo lavoro di produttrice e talent scout di nuove promesse della musica italiana. Dopo averlo conosciuto e guidato amorevolmente fino alla finale della prima edizione di X Factor, Mara non ha affatto abbandonato il suo pupillo Tony Maiello, ma anzi ha deciso di puntare sul giovanissimo cantante partenopeo dagli occhi blu. Ieri infatti è uscito il suo primo Cd-Ep che si intitola Ama Calma, pubblicato proprio da Non ho l’età, la casa di produzione discografica che la Maionchi ha fondato con il marito Alberto Salerno.

    Clicca qui per guardare il video del singolo omonimo che parla di una storia d’amore che non va consumata in fretta.

    Tony “ha una capacità più unica che rara di scrivere canzoni e raccontare storie della propria età – ha detto la giudice in una video intervista con il Tgcom –. Ha lavorato sodo, per un anno niente più improvvisazioni.

    Ci credo molto. Sentirete spesso parlare di lui”, assicura.

    La sua speranza dunque è che Maiello segua le orme di Tiziano Ferro, Gianna Nannini e Mango, tre mostri sacri della canzone italiana scoperti e lanciati dalla Maionchi che molto modestamente afferma: “Non faccio il mago. Anche se mi piacerebbe molto. È più facile sbagliare che fare giusto”. E infatti qualche abbaglio c’è stato, come quando non ha riconosciuto il talento di Biagio Antonacci, ma “l’importante è riconoscere l’errore per non farlo più”. E se lo dice lei c’è solo da crederle.
    Intanto in bocca al lupo a Tony per il suo primo cd!

    500

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI