Mara Maionchi: con Tony ho sconfitto le major. Non so se farò X Factor 4

in una intervista al tgcom mara maionchi ha parlato della vittoria del suo pupillo Tony Maiello al festival di sanremo 2010 e della sua presenza a X Factor 4

da , il

    Soddisfatti? Orgogliosi? Di più… Tony Maiello e Mara Maionchi giustamente gongolano per la vittoria al Festival di Sanremo 2010 nella categoria Nuova Generazione. Con la canzone Il linguaggio della resa, davvero molto orecchiabile, il giovane cantante di Castellammare di Stabia e la sua produttrice, che hanno iniziato a lavorare insieme grazie a X Factor, sono riusciti a sconfiggere le major. A proposito della quarta edizione del talent show di Rai Due la Maionchi ha rivelato al Tgcom che ancora nessuno l’ha chiamata.

    Al Festival di Sanremo 2010 hanno sconfitto le major con una etichetta discografica indipendente, la Non ho l’età di Mara Maionchi (fondata con il marito Alberto Salerno), e per questo Tony Maiello e la sua produttrice hanno un motivo in più per essere estremamente soddisfatti della vittoria nella categoria Nuova Generazione con la canzone Il linguaggio della resa.

    Abbiamo fatto con lui un lavoro alla vecchia maniera, sostenendolo sempre” ha spiegato Mara in una intervista al Tgcom. Per due anni ha seguito il suo pupillo, conosciuto durante la prima edizione di X Factor, alla sua maniera: e cioè tra proverbiali rimproveri e meritati complimenti.

    La Maionchi e Maiello sono andati avanti e hanno tenuto duro anche dopo la delusione per Ama calma, l’Ep pubblicato con la Sony al termine di X Factor che non ha ottenuto il successo sperato.

    Mara mi ha supportato sempre e ha deciso di seguirmi passo dopo passo lungo l’esperienza nella musica, facendomi leggere, invitandomi a conoscere nuove culture per poter scrivere brani su brani” ha dichiarato il vincitore di Sanremo Nuova Generazione. Insomma c’è tanto lavoro, con l’obiettivo di migliorare e puntare in alto, dietro la loro inaspettata vittoria sanremese.

    Sono molto contenta di questa vittoria, per noi indipendenti è un bel segnale. L’altra sera ho cenato con Renato Zero e parlavamo proprio di questo – ha raccontato la talent scout di Tony, Tiziano Ferro e Gianna Nannini –, lui con la sua casa discografica Tattica e Mario Biondi sono riusciti a scalare la classifica staccandosi dalle major e puntando su un prodotto a sè, con una distribuzione esterna e un metodo di lavoro ‘artigianale’ e nel caso della mia Non Ho L’Età direi familiare. La stessa cosa facemmo, io e mio marito Alberto Salerno, con i primi dischi di Tiziano Ferro e l’etichetta Nisa. La Emi ci distribuiva solamente”.

    Durante l’intervista la Maionchi non poteva non parlare del suo ruolo di giudice al talent show di Rai Due e sulla sua presenza alla quarta edizione ha rivelato che “Non so se ci sarò per la prossima edizione, per ora nessuno mi ha ufficialmente chiamata per X Factor”.

    Che dopo il caso Morgan si stia rimettendo tutto in discussione? O semplicemente è ancora troppo presto per parlarne visto che la terza edizione che ha incoronato vincitore Marco Mengoni (terzo a Sanremo) è finita solo a dicembre? Noi speriamo che ad X Factor 4 Mara ci sia: non solo per la sua competenza da discografica ma anche per il suo carisma e la sua sensibilità con cui mantiene sempre viva la trasmissione: che siano lacrime o sproloqui non importa, ci piace per questo!

    Infine sempre parlando di X Factor la Maionchi è d’accordo con Simona Ventura quando dice che rientrerà nel talent solo se cambierà la discografia e X Factor sarà indipendente dalla major con cui ha l’esclusiva (la Sony): “Sarebbe giusto se si pensasse alla prossima edizione del programma in questo modo: seguire i talenti ancora prima della finale. Cercare di entrare in contatto con i ragazzi, creare un feeling, capire se sanno scrivere canzoni, scegliere il brano giusto e seguirli fino alla finalissima. Non sempre i produttori della major sanno qual è la cosa più corretta da fare e come investire su un cantante, possono sbagliare anche loro ma noi puntiamo a un metodo di lavoro diverso”. Che con Tony Maiello è risultato vincente!