Manuela Arcuri protagonista di Pupetta Maresca, la nuova fiction di Canale5

Manuela Arcuri è Pupetta - La Ragazza con la Pistola, in onda da giovedì 6 giugno su Canale 5

da , il

    Manuela Arcuri, torna in tv con Pupetta – Il coraggio e la passione, la fiction prodotta dalla Ares per Fiction Mediaset, in onda stasera su Canale5. La Arcuri interpreterà il difficile ruolo di Assunta Maresca, detta Pupetta, donna di camorra passata alla cronaca per l’omicidio del killer di suo marito in un raid in pieno centro a Napoli mentre era incinta di sei mesi. Un bel caratterino…

    Pupetta – Il coraggio e la passione, miniserie in quattro parti diretta da Luciano Odorisio, racconta, accuratamente romanzata, la vita di Assunta ‘Pupetta’ Maresca, che con i suoi 76 anni, durante le riprese, non ha esitato a presentarsi sul set per conoscere la Arcuri e darle quale dritta sul suo personaggio.

    Un personaggio impostosi alle cronache per la sua appartenenza alla camorra, ma soprattutto per l’omicidio del killer del marito, Pasqualone ‘e Nola, che aveva sposato appena 17enne intorno alla metà degli anni ’50 con una cerimonia e un festeggiamento degno del ‘rango’ che spettava al boss che gestiva il racket dei mercati ortofrutticoli e il contrabbando di sigarette (non era ancora il tempo del narcotraffico). Era già incinta di due mesi quando raggiunse l’altare e dopo soli quattro mesi dalle nozze rimase vedova per una guerra di camorra, all’epoca fatta di rivalse personali. Lei si vendica, finisce in carcere dove partorisce – anche se del figlio non se ne saprà più nulla – e nel 1965 ottiene la grazia, salvo poi legarsi a un altro camorrista, Umberto Ammaturo, dal quale avrà due gemelli.

    Una donna forte, una leonessa” la definisce la Arcuri cui spetterà il non facile compito di dare credibilità al ruolo, considerato anche che il dialetto napoletano è indispensabile (“ma ho un coach sul set e me la sto cavando” dice Manuela). C’è già chi teme che la sceneggiatura (curata da Teodosio Losito, deus ex machina dei successi targati Ares) – che punta a ricostruire l’infanzia da ‘femmina’ sottomessa ai maschi della famiglia, costretta in collegio per il suo spirito ribelle – finisca per trasformarla in un’eroina: di certo Pupetta è una donna di ferro, un vero ‘boss’ prima di essere la ‘donna di un boss’, ma la sua vicenda travalica la mera vicenda camorristica, che qui finisce per fare da ‘contorno’.

    E a proposito della realizzazione della fiction, la Arcuri ci tiene a sottolineare la gran cura nella confezione: “Ci teniamo molto alla ricostruzione d’epoca, ai vestiti” dice la Arcuri, che rivela di aver studiato a lungo le foto di Pupetta e di averle chiesto aiuto per gli abiti. “Avrò capelli corti alla maschietta, vestiti scollati, la vita strizzata da una cinta elastica. Pupetta mi ha detto ‘quando passava io si giravano a guardarmi‘”, aggiunge la Arcuri, cui di certo la sensazione non sarà sconosciuta.

    Nel cast con la Arcuri troviamo Tony Musante, Stefano Dionisi, Guia Ielo, Luigi De Filippo, Eva Grimaldi, Gabriele Morra, Christopher Meireles, Stephan Kaefar, il fratello di Manuela, Sergio Arcuri, e Barbara De Rossi.