Maltese – Il romanzo del Commissario affascina con l’eleganza di Kim Rossi Stuart e la bellezza della Sicilia

La prima puntata di Maltese - Il romanzo del Commissario, andata in onda lunedì 8 maggio 2017, non delude le aspettative. Kim Rossi Stuart dà un'ottima prova di recitazione e la Palomar con la Rai dimostrano che si possono ancora fare fiction di qualità. La bellezza della Sicilia, la fotografia e le musiche scelte per la colonna sonora sono la ciliegina sulla torta.

da , il

    Maltese – Il romanzo del Commissario affascina con l’eleganza di Kim Rossi Stuart e la bellezza della Sicilia

    Maltese – Il romanzo del Commissario non ha deluso le aspettative. La fiction di Rai 1 in quattro puntate con protagonista Kim Rossi Stuart, partita lunedì 8 maggio 2017, appassiona e cattura raccontando un periodo del nostro Paese mai dimenticato. Il racconto delle vicende di Maltese, benché si tratti di un personaggio inventato, racchiude in sé il ritratto dei grandi uomini del nostro passato, che hanno sacrificato la loro vita per la lotta alla mafia. E il ritratto è talmente fedele e ‘lento’ che se ne possono cogliere sfumature e dettagli.

    La forza di Maltese – Il romanzo del Commissario, è racchiusa nella trama affascinante della lotta senza confini alla mafia in un periodo storico, quello degli anni Settanta, in cui ancora si cercava di negarne l’esistenza. A questo si aggiungono le vicende personali del protagonista, contemporaneamente in fuga dal suo passato, ma al tempo stesso desideroso di superare i traumi legati alla sua giovinezza. Queste vicende nella prima puntata sono ancora solo accennate e per questo, forse, più intriganti.

    LEGGI: LA TRAMA DI MALTESE – IL ROMANZO DEL COMMISSARIO

    Sono però tanti i punti di forza della fiction di Rai 1, primo tra tutti l’eleganza che Kim Rossi Stuart mette nel suo personaggio e nella storia. La sua è una recitazione impeccabile che regala a Maltese fascino e sfumature importanti che quasi fanno passare in secondo piano gli altri personaggi. Quasi, perché la scelta del cast della fiction si rivela essere stata attuata con grande cura e professionalità. Da Francesco Scianna a Roberto Nobile, ciascuno ha la sua dimensione e il suo perché, regalando profondità alla trama.

    A rendere tutto più affascinante, inoltre, c’è la bellezza della Sicilia con scenari mozzafiato e una città resa ‘passata’ da una fotografia eccellente, che sa catturare lo sguardo e l’attenzione del telespettatore. In molte scene si riconosce il tocco di classe della regia di Gianluca Maria Tavarelli, che richiama alla memoria scenari e modi de Il Giovane Montalbano. Infine, la ciliegina sulla torta a un confezionamento già perfetto: la colonna sonora, superba e pertinente.

    Con Maltese – Il romanzo del Commissario la Palomar fa di nuovo centro, continuando a solcare gli stessi mari del Commissario Montalbano che tanto hanno regalato alla tv e ai telespettatori italiani. E fa centro ancora una volta Rai 1, che chiude in bellezza questa stagione della fiction già vincente – e a mani basse – rispetto a quella, poverissima, di Mediaset.

    Scopriremo alla fine delle quattro puntate, e con i dati di ascolto, se Maltese – Il romanzo del commissario ha saputo conquistare il pubblico di Rai 1. Ma se diamo per scontato che gli ascolti non possano essere l’unico metro per valutare la qualità di un prodotto televisivo, la prova di Kim Rossi Stuart e della Palomar può dirsi sicuramente superata a pieni voti.