Mad Men, Matthew Weiner svela come sarà il finale

Mad Men, Matthew Weiner svela come sarà il finale: 'Non ho tutto in mente, ma 'voglio intrattenere il pubblico, voglio che la gente ricordi Mad Men con affetto'

da , il

    Mad Men Matt Weiner svela il finale

    Matthew Weiner sa come finirà Mad Men: ad annunciarlo lo stesso creatore a Grantland, spiegando che ‘l’idea per il finale gli è venuta a metà della scorsa stagione’, e aggiungendo che certo, ‘non ho tutto in mente, ma voglio che sia un finale divertente, che le persone possano ricordare con affetto, e non che tutto finisca in malo modo’. Un finale che probabilmente conterrà un salto nel futuro…

    Ho sempre pensato a Mad Men come ad un’esperienza di vita, e la vita ha una meta. Non sto dicendo che Don morirà, quello che penso e spero di raggiungere alla fine della serie… è il 2011. Don Draper avrebbe 84 anni. Mi piacerebbe lasciare lo show in un luogo che lo spettatore conosca, dove ha un’idea di cosa significa il percorso dello show e come questo interagisce con lui’.

    Così Matthew Weiner parla del finale di Mad Men, un’affermazione definita perentoria dallo stesso autore, ‘ma quando ci penso – aggiunge – mi viene sempre in mente Abbey Road: qual è l’ultima canzone del disco? È The End. C’è l’apice di un’esperienza di un gruppo di persone che hanno lavorato ai massimi livelli. Ed io non voglio restarci più del dovuto’.

    Non è chiaro se dunque Mad Men avrà un salto temporale, ma Weiner non lo esclude, pur spiegando di non avere un’idea chiara di quello che succederà: ‘Voglio solo intrattenere il pubblico, voglio che la gente ricordi Mad Men con affetto’, spiega l’autore, aggiungendo che questo viaggio è stata un’esperienza anche per lui: ‘Avevo trentacinque anni quando ho scritto il pilot, quarantadue quando l’ho realizzato, ne avrà cinquanta quando la serie finirà’.

    Non è la prima volta, peraltro, che Weiner parla del finale di Mad Men: proprio prima dell’inizio della quarta stagione, l’autore aveva spiegato che ‘quando vieni rinnovato per la seconda stagione, cominci a pensare come poter finire la serie se riesci ad essere abbastanza fortunato da chiudere quando vuoi tu e non andartene, come è più volte capitato, in maniera non bella’.

    Successivamente, al New York Times, Weiner aveva spiegato di ‘avere un’immagine di come vorrei lasciare i personaggi nell’immaginario collettivo, so come emozionalmente vorrei che finisse lo show, e ce l’ho da circa due anni’. Per quanto riguarda il quanto sarebbe andato avanti lo show – l’intervista è stata fatta prima del rinnovo biennale – l’autore aveva spiegato che ‘non ci sono grandi domande cui rispondere, lo show non è strutturato in questo modo’.