Luxuria e le gemelle, i due volti dell’Isola dei Famosi

Luxuria e le gemelle, i due volti dell’Isola dei Famosi

Vladimir Luxuria e le gemelle De Vivo mominate della settimana all'Isola dei Famosi 6: due modi opposti di vivere l'Isola, due facce della stessa Italia

    Vladimir Luxuria e le gemelle De Vivo

    Vladimir Luxuria e le gemelle De Vivo sono i nominati della settimana dell’Isola dei Famosi 6. In sintesi si scontrano i due volti dell’Isola: da una parte la mediatrice Luxuria, diventata con il ritiro di Ciavarro il personaggio da battere, e dall’altra le insolenti gemelle che hanno fatto dell’arroganza e del pettegolezzo uno stile di vita. Intanto sale l’audience, con il 21.7% e quasi 5 milioni di telespettatori.

    Tolti Carlo Capponi, personaggio per natura e forse un po’ per calcolo (con le sue faccette di gomma e le frequenti lacrime) e Alessandro Feliù, visibilmente motivato da una spaventosa voglia di affermarsi e vincere, gli unici personaggi Nip che sono riusciti a catalizzare l’attenzione in poco meno di una settimana sono le gemelle Imma ed Eleonora De Vivo. A guardar bene sono le uniche in tutto il numeroso gruppo di naufraghi passato su Cayo Paloma (compresa la meteora Valeria Marini) ad aver così tanto polarizzato l’Isola, creando tensioni e attirandosi le antipatie di tutti a livelli sconosciuti anche alla ‘buonanima’ Flavia Vento. Dalla loro hanno un’imbattibile faccia di bronzo e una lingua biforcuta che non ha risparmiato nessuno, men che meno Belen Rodriguez, accusata di essere la fidanzata più infedele d’Italia. Un’affermazione che ovviamente hanno rivolto alle telecamere, in chiusura di litigata con la focosa argentina, ma non alla diretta interessata, venuta a saperlo da Peppe Quintale, irritato, come tutti, dal viscido atteggiamento delle due. E dire che proprio loro avevano accusato Ela Weber di essere “una donna di niente” (tradotto dallo slang napoletano, una donna senza carattere) perché ha preferito defilarsi da una litigata in corso tra loro e Quintale. “Chella po’ confabula sempre co’ Quintale, pecché so’ venuti insieme. Se tieni qualcosa da dire dilla in faccia, ca’ sinò si’ ‘na femmina ‘e niente!” si dissero le gemelle, rigorosamente protette da una palma e in compagnia di una telecamera mentre Ela faceva sfogare Peppe a mare. Come si son difese dalla delazione di Peppe che ha rivelato a Belen la loro uscita sulla sua relazione con Borriello? “Tanto io me lo nego!” che tradotto vorrebbe dire “Io nego”. “E’ semp’ ‘a parola toja contr’ ‘a mia!” dissero, in un impeto di evidente ‘sincerità’. Insomma, dicono di non sopportare le persone che parlano alle spalle, ma solo perché, a nostro avviso, rischierebbero di perdere il primato di ‘inciuciere’ dell’Isola.

    Senza contare che la loro limpidezza e la loro nobiltà d’animo è stata subito messa alla prova, fin dai primi minuti sull’Isola, quando avrebbero dovuto confessare che spettava loro una sola porzione di cibo. “E mica siamo sceme!” commentano ridacchiando in faccia al buon Alessandro che si inalbera, giustamente, di fronte alla rivelazione del regolamento fatta da Simona. “E poi che c’entra, abbiamo due bocche!” controbbatono, invece di farsi rosse e chiedere scusa: sarebbero state più simpatiche e avrebbero guadagnato anche un pugno di riso in più. Invece attaccano, dicendo di doversi difendere.
    Insomma, si ripete il copione del ‘chiagne e fotti‘, tipica espressione partenopea per indicare coloro che lamentandosi e facendo le vittime non solo si prendono gioco delle persone oneste, ma finiscono pure per prevaricarle (per non usare termini poco eleganti).

    Se dovessimo individuare una parola chiave per sintetizzare lo scontro tra le due anime dell’Isola, che vedono dall’altra parte schiarata Vladimir Luxuria, opteremmo per onestà. Disoneste le De Vivo, onesta sotto tutti i punti di vista Luxuria, che raccoglie due voti in nomination da Alessandro Feliù e Rossano Rubicondi a nostro avviso perché Vladimir resta in questa momento la naufraga veterana più pericolosa della finale.

    Il colpo di grazia arriva da Tumiotto, leader della settimana, che la nomina facendo riferimento alle sue continue insinuazioni sulla relazione con Veridiana. Ma non a caso i tre maschietti che l’hanno votata sono quelli più intenzionati a vincere. La mossa ci sembra evidente.
    Da una parte si votano le gemelle perché indegne di stare sull’Isola, dall’altra si vota Luxuria perché fin troppo degna, con la sua femminilità, con la sua capacità di mediazione, di restarci, tanto da essere tra i potenziali vincitori.

    Certo, dice Giucas Casella che la sua eccessiva diplomazia può far sorgere dubbi di sincerità: possibile che sia sempre alla ricerca dell’armonia senza avere un doppio fine? Questo il sospetto di Giucas, che per noi si scoglie come neve al sole quando la si sente parlare o infiammarsi per la famosa questione del corretto uso delle parole, delle discussioni su ‘tolleranza’ e ‘condivisione’. I naufraghi stanno facendo i propri calcoli in vista della finale, ormai sempre più vicina. Siamo al giro di boa, ovvio che si inizi a pensare al traguardo.

    Per il resto l?isola sta davvero entrando nel vivo. Le prime settimane sono sempre d’assestamento e la ‘gran moria di vacche’ iniziale (qualcuno ricorda che nelle prime due puntate c’era Giuseppe Lago?) ha finito per creare un andirivieni che ha finito con il distrarre. Ora però, dopo il ricongiungimento dei vip e dei nip e dopo il mese passato sull’Isola dai veterani le posizioni, i gruppi, le alleanze si fanno più nette, nonostante l’arrivo di nuove riserve, e il gioco inizia ad avere un suo svolgimento. Con l’arrivo di Patrizia De Blanck il gruppo dovrebbe essere ormai chiuso, salvo altri possibili ritiri. Ora si iniziano davvero a vedere le forze in campo.

    Ultima notazione sul fronte gossip: se Veridiana e Tumiotto dichiarano il proprio amore istigati dalla Ventura (in cantiere una convivenza appena terminata l’Isola) di Belen e Ciavarro (ora sostituito da Rubicondi) si è parlato fin troppo. Il gioco delle coppie, tanto utile ai reality per conquistare spazio sui media, rischia di diventare controproducente, scatenando una ridda di commenti e allusioni sfociate addirittura con un Tapiro d’Oro. E in questo Simona gioca un po’ ‘da ipocrita’: prima lancia il pezzo di carne sanguinolenta in pasto alle belve del gossip, pur sapendo del Tapiro a Borriello, poi nell’arco della stessa puntata, complice l’uscita irritante delle gemelle, chiede il silenzio anche alla paladina Vladimir, che scende in campo per difendere l’onorabilità della sua compagna.
    In fin dei conti sull’Isola, al di là delle nuove discussioni sui trans, omossessualità, minoranze etc, vige la vecchia regola dei piccoli paesi e delle comunità ristrette: la donna è putt… o calcolatrice (nel caso l’accusa cade su Belen e su Veridiana), l’uomo è stallone oppure fessacchiotto (nel caso lo sposato Rubicondi e l’innamorato Leonardo). La colonia italiana in Honduras non riesce a far a meno di questi stereotipi, incarnati dal concorrente ‘bicefalo’ De Vivo: nonostante gli sforzi, l’Italia resta un grande Paese che pensa ‘provinciale’. Alla prossima.

    1249