Luca Zingaretti cacciato dalla Rai, non era raccomandato

Luca Zingaretti cacciato dalla Rai, non era raccomandato

Luca Zingaretti ha raccontato di essere stato cacciato dalla Rai agli inizi della sua carriera perché non raccomandato

    Luca Zingaretti, ammirevole protagonista de Il Commissario Montalbano e superbo attore teatrale (lo adoriamo!) ha raccontato al settimanale A di essera stato cacciato dalla Rai ai suoi esordi perché non raccomandato. Storie del genere accadono tutti i giorni, avere la soddisfazione di portare a casa ascolti record con le ennesime repliche della serie che lo vede protagonista non ha prezzo. E a breve lo ritroveremo su RaiUno in Sanguepazzo, accanto ad Alessio Boni e Monica Bellucci: una produzione uscita prima al cinema e attesa da oltre un anno in tv. In alto il trailer.

    Un giorno la Rai mi cacciò perché non ero raccomandato“: così, semplicemente, Luca Zingaretti ha raccontato un ‘aneddoto’ della sua (poi) florida carriera cine-tv-teatrale. “Quando ho iniziato a fare questo mestiere non avevo il ‘physique du rôle’ del protagonista. Per il ruolo principale di una fiction, molto tempo fa, vinsi il provino, ma la Rai mi rifiutò perché mi fu detto chiaramente che ‘non ero un nome e non avevo santi in paradiso’. Ci rimasi malissimo.

    Quel funzionario è ancora al suo posto“.

    Peccato che la regola voglia che si dica il peccato ma non il peccatore: con la lungimiranza dimostrata e con l’attaccamento alle regole della raccomandazione chissà quanti attori di talento avrà falciato quel ‘signore’ dai palcoscenici italiani. Intanto Zingaretti ce l’ha fatta, a dimostrare a tutti quelli che intendono affrontare questa carriera che una porta in faccia (fosse anche quella di Viale Mazzini) non è sinonimo di fallimento.

    Ora Zingaretti, davvero bravo come pochi, si gode la sua carriera che lo vedrà a breve sugli schermi con La nostra vita di Daniele Luchetti, unico film italiano in concorso al Festival di Cannes. E va a gonfie vele anche la sua vita sentimentale: a 47 si dice pronto a un figlio, soprattutto a stare per tutta la vita con la sua Luisa Ranieri. In attesa di rivederlo in replica al lunedì sera con Montalbano e prima o poi con Sanguepazzo.

    369