Lost, le 30 morti più significative secondo EW

Lost, le 30 morti più significative secondo EW

Trenta morti in preparazione del gran finale, in onda fra poche ore negli States e fra qualche ora in Italia

    In sei anni sono stati parecchi i decessi nella serie più enigmatica della storia della tv. Del resto si poteva capire dai primissimi minuti del pilota, quando il volo della Oceanic 815 si è schiantato sull’Isola. In occasione dell’ultima puntata della serie la rivista EW ha ricordato le 30 morti più significative di Lost. Dalla prima (forse già dimenticata), quella del pilota del volo Oceanic 815, interpretato dall’attore Greg Gunberg, fino all’ultima… o quasi, visto che la classifica è stata pubblicata prima del series finale. Occhio, per chi non ha seguito Lost fino in fondo c’è pericolo di spoiler.

    1. SETH NORRIS (GREG GRUNBERG) – Morto durante l’episodio pilota. Citando EW “il pilota non è sopravvissuto al Pilota“. Dopo aver lavorato con J.J. Abrams in Felicity e in Alias, Greg Gunberg ha interpretato un cameo nel ruolo dell’uomo alla gioda dell’Oceanic Flight 815, destinato a precipitare. Sopravvissuto all’impatto iniziale, Norris ha avuto l’onore di essere una delle prime vittime dell’allora invisibile Fumo Nero: il suo corpo fu ritrovato maciullato su un albero.

    2. ETHAN ROM (WILLIAM MAPOTHER)Scomparso nel quindicesimo episodio della prima serie, Ethan è nato sull’Isola, figlio di due membri della Dharma, e, una volta cresciuto, è entrato a far parte degli Altri. Dopo aver fatto finta di essere uno dei passeggeri del volo della Oceanic, Ethan ha rapito Claire e l’ha quasi uccisa. Charlie ha consumato la sua vendetta sparandogli. Nonostante tutto Ethan ha continuato ad avere una vita grazie a flashback, viaggi nel tempo e flash-sideways: è apparso più dopo la sua morte che in vita.

    3. BOONE CARLYLE (IAN SOMERHALDER). Morto nel ventesimo episodio della prima stagione. Ironicamente, Boone, che era diventato il braccio destro di Locke, è stato ucciso da un secondo ‘incidente’ aereo, ovvero dalla caduta del Beechcraft scoperto proprio da lui nel cuore della jungla. Prima della sua morte, Boone e Locke hanno scoperto la misteriosa botola, e Boone riuscì a mettersi in contatto con i sopravvissuti della coda dell’aereo grazie a un radoi trasmettitore ancora funzionante nell’piccolo aereo che aveva portato sull’Isola il fratello di Mr. Eko.



    4. DR. LESLIE ARZT (DANIEL ROEBUCK). Scomparso nell’episodio finale della prima stagione. Anche se per la serie era un redshirt (un personaggio che muore accidentamentalmente subito dopo la sua introduzione), questo ex scienziato con l’hobby per l’entomologia e un nome difficile da pronunciare ha avuto molto successo. Dopo aver insistito per occuparsi della dinamite abbandonata sulla Black Rock, è slatato in aria per un passo falso ed è letteralmente finito in mille pezzi. Da qui una delle battute classiche della serie, pronunciata da un impassibile Hugo: “Hai un po’ di Arnzt su di te“.

    5. SHANNON RUTHERFORD (MAGGIE GRACE). La sorellastra di Boone ci ha lasciato nel sesto episodio della seconda stagione, diventando il secondo membro regolare del cast a lasciare lo show. Dopo aver intravisto Walt, corre dietro di lui nella giungla e viene colpita allo stomaco da un colpo di fucile sparato da Ana Lucia, che l’ha scambiata per una degli Altri. La morte ha chiuso bruscamente la storia d’amore che si era appena creata fra lei e Sayid e ha causato un’atmosfera tesa fra i naufraghi e i sopravvissuti che si trovavano nella sezione di coda dell’aereo.

    6. ANA LUCIA CORTEZ (MICHELLE RODRIGUEZ). L’ex poliziotta di origine latina, tra i sopravvissuti della sezione di coda, lascia l’Isola nel ventesimo episodio della seconda stagione. Ana Lucia, anche grazie al suo lavoro da poliziotta e alla sua indubbia arroganza, era diventata una sorta di leader dei sopravvissuti della coda. Aveva fatto finalmente pace con il suo passato quando il traditore Michael le ha sparato all’improvviso. Anche se Ana Lucia non è mai stata molto popolare (si è poi rifatta con Avatar), la sua morte inaspettata ha scioccato parecchio il pubblico.

    7. ELIZABETH ”LIBBY” SMITH (CYNTHIA WATROS) Libby muore nello stesso episodio e per la stessa mano di Ana Lucia. La sopravvissuta, hostess dell’Oceanic 815, si è trovata nel posto sbagliato al momento sbagliato, visto che voleva solo prendere delle coperte per fare un pic-nic con Hugo. Dopo essere entrata nella stazione Cigno ha visto Michael sparare ad Ana Lucia. Sorpreso del suo arrivo, Michael le spara e l’ultima parola di Libby è un grido di avvertimento per gli altri naufraghi (“Michael!”): peccato che sia stato scambiato per una preoccupazione.



    8. MR. EKO (ADEWALE AKINNUOYE-AGBAJE). Un altro dei sopravvissuti della coda dell’Oceanic 815 lascia la serie nel quinto episodio della terza stagione. Il personaggio di Eko è rimasto nella storia solo per una stagione, visto che l’attore Adewale Akinnuoye-Agbaje ha voluto lasciate Lost. Mr. Eko ha lasciato comunque un ottimo ricordo: la sua storia rimane una delle più interessanti e complete di tutta lo show. Prima si credeva che Eko si trovasse sull’isola per cercare la redenzione (una caratteristica comune a molti personaggi) prendendo quasi il posto del fratello Yemi, anch’egli morto sull’Isola anni prima.

    9. NIKKI & PAULO (KIELE SANCHEZ & RODRIGO SANTORO) I più belli (e odiati) protagonisti dell’Isola lasciano la serie nel quattordicesimo episodio della terza stagione. Un ragno velenoso ha paralizzato Nikki e Paulo, ma è solo l’inizio della loro fine. Gli effetti del veleno svaniscono troppo tardi e la coppia si ritrova seppellita viva insieme alla busta di diamanti che avevano rubato. A seppelirli sono stati gli altri naufraghi, convinti che i due fossero morti. Potremmo ricordarli come i meno inscisivi per la storia dell’Isola.
    .


    10. ANTHONY COOPER (KEVIN TIGHE) Il padre di Locke,che si scopre essere stato anche uno degli Altri, lascia la serie nel quindicesimo episodio della terza stagione. Un truffatore, un uomo senza cuore che ha ingannato il figlio chiedendogli un rene, ma è stato anche la ragione della morte dei genitori di Sawyer. Locke doveva ucciderlo per prendere il suo posto negli Altri, ma ha ingannato Sawyer chiudendolo con Cooper in una stanza della Black Rock, per lasciargli l’onore della vendetta.

    11. ROGER LINUS (JON GRIES) Il papà di Benjamin Linus lascia la serie nel ventesimo episodio della terza serie. Dopo anni in cui ha dato la colpa al figlio della morte della moglie, Roger diventa una vittima della rabbia di Ben, che non mostra pietà nei suoi confronti lasciandolo morire nella Purga con la quale ha sterminato i membri della Dharma. Il cadavere decomposto di Roger è stato poi trovato dai naufraghi su un pulmino carico di birra della Darhma.

    12. CHARLIE PACE (DOMINIC MONAGHAN) La morte di Charlie è uno dei momenti più commoventi delle sei stagioni di Lost. Il musicista inglese muore nell’ultimo episodio della terza stagione. La sua è la più eroica e straziante di tutte le morti: Charlie si sacrifica per salvare tutti gli altri naufraghi. Si cala nello Specchio, la stazione subacquea della Dharma, per disabilitare il segnale d’interferenza che impedisce le trasmissioni radio sull’Isola: via radio riesce a mettersi in contatto con Penny, l’amata di Desmond. Proprio Desmond gli aveva predetto la morte, in virtù dei ‘poteri’ conquistati dopo l’esposizione all’eletromagnetismo scatenato dall’esplosione della botola.

    Charlie muore annegato, trovando però la forza di lanciare un ultimo fondamentale messaggio: sscrive sulle sue mani “Not Penny’s boat”: la nave che credevano fosse arrivata sull’Isola per portare in salvo i naufraghi non era quella che credevano.


    13. TOM FRIENDLY (M.C. GAINEY)Uno dei tenenti di Ben e uno fra i più insopportabili fra gli Altri lascia la serie nello stesso episodio di Charlie. Tom, conosciuto anche come Mr. Friendly, ha minacciato più volte i sopravvissuti del volo nelle stagioni che lo hanno visto protagonista. Muore mentre sta organizzando l’ennesimo attacco ai naufraghi. freddato da Sawyer che non dimentica il suo ruolo nel rapimento di Walt.

    14. DANIELLE ROUSSEAU (MIRA FURLAN) Giunta sull’Isola nel 1988 come membro di un gruppo di ricerca, Danielle Rousseau, madre di Alex – rapita in fasce da Ben -, muore nell’ottavo episodio della quarta stagione dopo essere riuscita a sopravvivere da sola per ben 16 anni. Ha giusto il tempo di riabbracciare la figlia ormai adolescente prima di essere uccisa da un colpo di pistola.

    15. ALEX ROUSSEAU (TANIA RAYMONDE) Alex segue il destino della madre in uno dei momenti più drammatici e strappalacrime di tutta la serie che segna anche l’inizio della redenzione di Ben, che cade nel nono episodio della quarta stagione.



    16. MICHAEL DAWSON (HAROLD PERRINEAU) Michael, autore materiale delle morti di Ana Lucia e Libby, ha cercato di redimersi per gli omicidi commessi cercando di salvare i naufraghi durante la quarta stagione. Imbarcatosi sulla nave cargo inviata da Widmore su ‘suggerimento’ di Tom, riesce a farla saltare in aria, morendo praticamente da kamikaze nel 13mo episodio e salvando Jin e Desmond.

    17. NEIL ”FROGURT” (SEAN WHALEN) Neanche a farlo a posta nel giorno della sua morte, avvenuta nel primo episodio della quinta stagione, questo sopravvissuto della parte centrale dell’aereo indossa una maglia rossa, segno di morte certa per le serie Usa (anche Michael la indossava). Muore colpito da una freccia infuocata nel petto.

    18. CHARLOTTE STAPLES LEWIS (REBECCA MADER) L’antropologa inglese dalla folta chioma rossa lascia la serie nel quinto episodio della quinta stagione. Come si legge su Ew, “se i tuoi episodi introduttivi e finali si inititolano Morte Accertata e Questo posto è la morte le tue chance di sopravvivenza sono davvero poche”. Charlotte, un altro dei nomi filosofici (C.S. Lewis è l’autore di Alice nel Paese delle Meraviglie) trova la morte fra le braccia di Faraday, follemente innamorato di lei. Dopo continui salti nel tempo il suo cervello è strapazzato, come la cronologia dello show.


    19. JOHN LOCKE (TERRY O’QUINN) John Locke ci ha lasciati nel settimo episodio della quinta stagione diventando Jeremy Bentham (un altro nome da filosofo). Nella sua post-vita assume quest’identità e tenta di convincere i sei della Oceanic a tornare sull’Isola. Quando nascosto nella sua camera di hotel pensa al suicidio, Ben gli fa visita per convincerlo a non farlo prima di strangolarlo. John Locke è morto, ma torna presto sull’Isola, prestando il suo corpo al Man in Black.



    20. NAOMI DORRIT (MARSHA THOMASON) L’impiegata di Charles Widmore lascia l’isola nel 13esimo episodio della quinta stagione. Stava tentando di bloccare gli isolani per raggiungere i suoi colleghi sulla nave da carico, ma è stata colpita con un pugnale alla schiena da Locke. Devota alla sua missione anche in punto di morte, manda un messaggio in codice che allarma i suoi compagni.

    21. DANIEL FARADAY (JEREMY DAVIES) Il fisico Daniel Faraday (deve il suo nome al “collega” Michael Faraday che ha contribuito ai campi dell’elettromagnetismo e dell’elettrochimica) lascia l’Isola nel quattordicesimo episodio della quinta serie. Un fisico con delle idee creative sul continuum spazio-temporale, stretto tra le sue ricerche e una madre ‘particolare’ (salvo poi scoprire che è figlio di Charles Widmore). Ha lottato per far sì che si detonasse la bomba atomica Jughead, ma non ha vissuto a lungo per vedere l’esplosione: in un colpo di scena da far scoppiare il cervello, viene ucciso dalla madre incinta di lui.



    22. JACOB (MARK PELLEGRINO) Il deus ex-machina dell’Isola viene ucciso nel sedicesimo episodio della quinta stagione. Jacob è la chiave di tutto, eravamo arrivati a credere che fosse una specie di dio. Ma quando Ben e il finto Locke entrano nel suo rifugio, ai piedi della Statua, riescono ad accoltellarlo e lo gettano nel fuoco.



    23. JULIET BURKE (ELIZABETH MITCHELL) Lei voleva solo una cosa: lasciare quella dannata Isola. Dopo aver fatto il doppio gioco con gli Altri, Juliet era diventata una valida alleata dei sopravvissuti e ha passato tre anni costruendo una vita accanto a Sawyer nella Dharma durante gli anni ’70. Ma poi ha dato retta a Jack e al suo piano di detonare Jughead. Questo l’ha lasciata quasi morta in un pozzo (dove la Dharma stava realizzando la stazione Cigno) dopo l’esplosione della bomba. Muore fra le braccia di Sawyer, al quale sussurra “Ha funzionato“. I naufraghi sapranno cosa vuol dire solo alla fine (forse).



    24. DOGEN (HIROYUKI SANADA) Nel sesto episodio della sesta stagione ci lascia un altro leader piuttosto misterioso dell’Isola, il maestro-protettore del Tempio. Dogen ha tentato di convicere Jack che il risorto Sayid è una versione oscura del precedente, che un corpo estraneo lo ha posseduto e che l’unica cura sarebbe stata la sua morte. Dogen aveva ragione, un Sayid in versione zombie lo affoga nelle acque mistiche del Tempio.


    25. ILANA VERDANSKY (ZULEIKHA ROBINSON) In una sorta di omaggio alla morte del Dr. Arzt, la guardia del corpo di Jacob muore per via della dinamite nel dodicesimo episodio della sesta stagione. La morte di Ilana, la donna che conosceva benissimo l’Isola e i piani di Jacob, ha stupito un po’ tutti.



    26. JIN-SOO KWON (DANIEL DAE KIM)Quando il sottomarino di Charles Widmore imbarca acqua e inizia ad affondare, Jin si rifiuta di lasciare da sola la moglie Sun, rimasta incastrata da un armadietto di metallo. Dopo esseres stati separati dalla fine della quarta stagione, i due si erano reincontrati solo da poco. I due muoiono mano nella mano.
    27. SUN-HWA KWON (YUNJIN KIM) Stesso episodio e stesso momento per Sun, il tredicesimo episodio della sesta stagione. Sun era una dei sei del volo della Oceanic tornate a casa, ma aveva deciso di tornare sull’Isola nella speranza di ritrovare Jin. Sono riusciti a rincontrarsi solo nel dodicesimo episodio della sesta stagione. L’esplosione del C4 che ha fatto affondare il sottomarino di Widmore ha bloccato Sun. Ha pregato Jin di lasciarla, ma lui è rimasto lì per morire insieme.

    28. SAYID JARRAH (NAVEEN ANDREWS) Stesso episodio di Jin e Sun e stessa tomba per Sayid. Dopo la sua morte e la sua resurrezione, Sayid sembra posseduto. La versione zombie di Sayid compie qualche nefandezza, come uccidere il protettore del Tempio Dogen e il suo traduttore, salvo poi salvare Desmond e cercare di salvare i compagni intrappolati nel sottomarino cercando di allontanarsi quanto più possibile col C4 nascosto da falso Locke nello zaino di Jack. Grazie al suo sacrificio gli altri (almeno alcuni di loro) riescono a sopravvivere.



    29. MADRE (ALLISON JANNEY) Uno dei misteriosi personaggi che fanno capolino sull’Isola è certamente questa donna senza nome. In un non precisato passato (molto remoto) questa donna vive da sola sull’isola. Aiuta una naufraga a far nascere una coppia di gemelli prima di ucciderla e di farne le veci. I nati non sono altro che Jacob e l’Uomo in Nero e tra loro c’è il protettore dell’Isola. La donna viene uccisa dall’Uomo in Nero, che scopre grazie a una visione di non essere suo figlio e di essere nato da qualcuna che veniva ‘al di là del mare’. Un personaggio decisamente importante che ‘vive’ per una sola puntata, la 15ma della sesta stagione.

    30. UOMO IN NERO (TITUS WELLIVER) Designato per il protettore dell’Isola dalla ‘strana’ donna che lo ha cresciuto, ha sempre voluto lasciare l’Isola contro la volontà del fratello Jacob e della ‘madre’. Nel tentativo di lasciare l’Isola uccide la ‘madre’ e viene ucciso da Jacob, accecato dall’ira. Per ucciderlo Jacob lo tramortisce con una pietra e lo lascia scivolare fin nella sorgente di luce, dove si trasforma nel Fumo Nero. I corpi della ‘madre’ e del Man in Black verranno ricomposti da Jacob e ritrovati dai nafraghi secoli dopo: sono i nisteriosi Adamo ed Eva.

    3500