Lorenzo Crespi: a Ballando con le stelle volevano provocarmi

in una intervista rilasciata a Diva e Donna, l'attore Lorenzo Crespi torna a parlare del suo clamoroso abbandono in diretta a Ballando con le stelle

da , il

    Lorenzo Crespi torna a parlare della sua movimentata partecipazione a Ballando con le stelle e dice ancora la sua sul clamoroso abbandono del reality show di Rai Uno e sulla reazione dei protagonisti del programma condotto da Milly Carlucci. L’attore in una intervista a Diva e Donna parla di provocazioni da parte del cast che lo avrebbe anche fatto sentire solo. Ma soprattutto sottolinea di essere cambiato e di non essere né matto né violento. Ecco le rivelazioni rese da Crespi al magazine in edicola questa settimana.

    Evidentemente non gli è andato giù il processo in contumacia (ai suoi danni) che si è tenuto nelle ultime puntate di Ballando con le stelle (e che lo ha “condannato” per aver abbandonato in diretta il reality show di Rai Uno) e forse anche per questo Lorenzo Crespi si è voluto difendere dagli attacchi ricevuti attraverso le pagine di Diva e Donna.

    So cosa dicono di me, ma io non sono matto. Lorenzo Crespi non è malato, ha una vita sanissima – ha sottolineato l’attore –. È risaputo che chi dice la verità, viene passato per matto. E io non lo sono”.

    Crespi ritiene inoltre che qualcuno voleva “provocarlo”, forse perché con la sua bravura nel ballo ha spiazzato tutti, ma lui non ci è cascato (anche se alla fine però ha lasciato il programma e l’ha data vinta ai suoi “avversari”).

    Volevano provocarmi? Io sono cambiato, non sono più violento”, ha dichiarato l’interprete di Gente di Mare che poi a proposito della sua partner, la ballerina Natalia Titova (che lui definisce “un soldato”), lasciata improvvisamente da sola sulla pista, ha commentato: “Hanno detto che ho lasciato la Titova sola, là dentro l’unico ad essere solo ero io”.

    Nel corso dell’intervista Crespi ha infine rivelato che solo grazie a Maurizio Costanzo, un secondo padre per lui, ha deciso di tornare in tv: “Maurizio stesso pensava che il processo a me fosse finito. E anch’io. E invece no… L’unica risposta che mi do è che non dovevo vincere io e che con la mia bravura ho spiazzato tutti” ha concluso.

    Peccato però che non abbia continuato a dimostrare in pista quale provetto ballerino fosse diventato (anche grazie all’aiuto del soldato Titova).