Lite Zenga-Varriale: pace fatta

Lite Zenga-Varriale: pace fatta

walter zenga ed enrico varriale hanno siglato la pace dopo la telerissa di domenica scorsa

    Sorrisi e pace fatta tra Walter Zenga ed Enrico Varriale. Un momento tanto auspicato da più parti, a cominciare dal direttore di Rai Sport Massimo De Luca e dall’amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco, rispettivamente “capi” del giornalista Varriale e dell’allenatore Zenga.

    Alla fine il conduttore di Stadio Sprint e il tecnico del Catania hanno siglato la pace, quasi inevitabilmente. Enrico Varriale e Walter Zenga, che ormai potremmo chiamare “i due litiganti della domenica”, si sono stretti la mano davanti ai flash dei fotografi dopo essere stati protagonisti di un duro diverbio in diretta tv durante la trasmissione sportiva condotta da Varriale. Invece di commentare la partita Catania-Torino Zenga aveva subito attaccato il giornalista di Rai Sport, reo di aver parlato alle sue spalle. Piccata la risposta di Varriale: “questa è un’uscita sbagliata, simile a quella che ci costò il Mondiale del ‘90”. E da qui un’escalation di accuse e minacce reciproche.

    La tregua è stata firmata in occasione della consegna del premio Panchina d’oro, cerimonia che si è tenuta ieri a Coverciano e che ha premiato Roberto Mancini (ex tecnico dell’Inter) come miglior allenatore della scorsa stagione.
    “Dovremmo riuscire a gestire meglio tutto – ha detto Zenga tornando sulla telerissa – altrimenti ci rimetteremmo noi, il pubblico e anche i giornalisti.

    Bisogna trovare una soluzione affinché tutti possano essere professionali e corretti: un allenatore – ha spiegato l’ex portiere della Nazionale – non può stare un’ora e mezza a parlare con i giornalisti dicendo a tutti le stesse cose”.
    Come dargli torto. Una volta usciti dallo spogliatoio c’è una sfilza di collegamenti a cui sono “costretti”, e spesso devono anche mettersi in fila e aspettare il proprio turno davanti alle telecamere prima di essere finalmente intervistati. Cosa questa che spesso e volentieri capita proprio a Stadio Sprint.

    Varriale, dal canto suo, da domenica prossima cercherà di mantenere la promessa fatta con Zenga: “il reciproco impegno a parlare di calcio”. Cosa che dovrebbe essere anche normale!

    Nonostante il lieto fine, l’ad del Catania ha confermato la multa per il suo tecnico, che a suo dire sembra dimenticarsi di non essere più un calciatore.” Zenga sta facendo un ottimo lavoro – ha detto Lo Monaco – ma non deve cadere in questi giochetti di prestigio. Si ricordi che rappresenta il Catania e deve parlare della squadra e non di problemi personali che creano momenti antipatici”.
    E noi siamo perfettamente d’accordo.

    465